Antologia poetica sarda

12 contenuti / 0 new
Ultimo messaggio
dari
Offline
Last seen: 9 anni 4 mesi fa
Iscritto: Lun, 26/02/2007 - 17:00
Antologia poetica sarda

Scrivete qui le vostre poesie, quelle di autori noti e anche quelli meno noti.Alla fine vedrete che bella raccolta verrà fuori !!! Se vi va, aggiungete qualche notizia biogafica sull'autore, sarà senz'altro un lavoro più completo e interessante.
ciao a tutti!!!

Peppino Mereu, uno dei maggiori rappresentanti della lingua sarda e non solo, nacque a Tonara nel 1872 e vi morì nel 1901 a soli 29 anni. La sua fu un'esistenza dolorosa segnata dalla prematura morte dei genitori, dalla povertà e dalla tisi, malattia che lo uccise. Fu carabiniere per necessità e si spostò in varie parti della Sardegna. Fu cantore dell'emarginazione storica dei sardi e nonostante la sua breve vita ci ha lasciato una vasta produzione poetica. Alcune delle sue poesie si sono trasformate in canti popolari che vengono ancora oggi eseguiti dai tenores di molte località dell'isola.
Ecco sotto una delle sue opere dedicata alle forze dell'ordine che lui ben conosceva ed un sottile rappresentazione dello spaccato sociale del tempo.

Il verbale

Noi sottoscritti, Unale brigadiere
comandante la locale stazione
e Bertolini carabiniere
rapportiamo a chi ha sempre ragione,
che la mattina del sette corrente
presentavasi a noi un mascalzone,
figlio di farabutto e delinquente,
dell’età giusta per essere impiccato,
nativo di Orune e possidente.
Da costui ci venne denunciato
che il giorno prima, in un’ora incerta,
gli fu dal salto un asino involato,
mentre trovavasi in campagna aperta
in regione detta «terra infame»,
località bruttissima e deserta.
L’asino era nero di pelame,
con le orecchie lunghe mezzo metro,
logoro dal lavoro e dalla fame;
era in uno stato più che tetro,
tanto che camminava in pochi casi
col muso avanti e con la coda dietro.
Per farci maggiormente persuasi
il derubato, insomma, ci ebbe a dire
che esso aveva cinque gambe o quasi
e che in tutto egli ebbe a subire
un danno calcolabile in danari
da circa diciassette a venti lire.
Allora noi, predetti militari,
escludendo reato d’armate bande,
constatammo i fatti più chiari.
Risultò l’asino di un ingegno grande
con voce canora di gentil pennuto.
Alle nostre incalzanti domande,
che prima riuscirono senza frutto,
e dalle indagini praticate da noi,
risultò che l’asino era distrutto.
Tant’è vero che da quel giorno in poi
altri non si vide in quella cinta
che un gruppo di corvi ed avvoltoi.
Noi, con perspicacia distinta,
ricercando, ieri a mezzogiorno,
ritrovammo la nota gamba quinta.
A prima vista ci sembrava un corno,
con chiari segni di idrofoba beccata
mancante dei santissimi il contorno.
Giova notare che fu rintracciata
tra levante e ponente, lì vicino,
località selvaggia e malfamata;
l’abbiamo collocata in un cestino,
ben sigillata perchè non si scopra
col suo relativo cartellino.
In vista di quanto detto sopra,
redigiamo il presente verbale
per attergarlo alle donne di Bitti
e per le orunesi copia uguale,
e ci siamo intanto sottoscritti
con riserva.
Bertolini e Unale.

Piazzaforte di Orune
Anno della fame

frinas
Offline
Last seen: 5 anni 5 mesi fa
Iscritto: Gio, 20/10/2005 - 16:18
ANTONIO MURA ENA

Proseguiamo sul filone inaugurato da "dari" con Peppino Mereu;

Come non aprire con questo grande Poeta del '900 e con quella che (anche per le particolarità che si porta dentro), è a mio avviso una fra le 5 più belle poesie "in limbas".... del secolo.

ANTONINU MURA ENA
Nato a Bono il 17 ottobre 1908 e morto a Roma il 18 luglio 1994. Ha trascorso l’infanzia a Lula, presso lo zio sacerdote e poeta Giovanni Antonio Mura, per distinguersi dal quale aggiunse al cognome quello materno, Ena, spesso unendoli in Murena. Si è laureato a Roma in Pedagogia, frequentando a Lucca un corso di allievi ufficiali di artiglieria, recandosi poi a Civitavecchia in una analoga scuola militare. Congedato, ha insegnato a Nuoro, trasferendosi poi a Roma. Aderì al Partito Comunista Italiano, fondandone negli anni Quaranta una sezione a Pizzoli, in Abruzzo, dove erano confinati Leone Ginzburg e molti altri ebrei. Oltre che alla poesia e alla narrazione, si dedicò con passione alla linguistica sarda, alla storia della pedagogia e alla traduzione in sardo dei classici latini e greci.

Io l'ho scoperto attraverso questi due volumi che consiglio di inserire nella vostra libreria.

• Memorie del tempo di Lula, Introduzione, edizione critica e traduzione a cura di N. Tanda, Sassari, Edes, 1997.

• Recuida, Introduzione, edizione critica e traduzione a cura di N. Tanda, Sassari, Edes, 1998.

Jeo no 'ippo torero

Jeo 'ippo Juanne 'Arina.
Luvulesu, pitzinnu minore.
In tempus de laore, a manzanu e a sero,
de voes e de vaccas punghitore.
Ma no 'ippo torero.

Jeo no so mortu
a sas chimbe de 'ortadie
(che a Ignacio Sànchez).
Jeo so mortu a s'arveschere
in su creschere.

Non b'haiat pro me in s'arena
un'isporta 'e carchina vattuta
a isterrita, supra su sambene.
A mie no m'han vattutu
unu savanu biancu.

Unu voe m'haiat incorratu
in sa jaca 'e s'ortu.
Ohi! chi so mortu.
A mamma happo cramatu
A sa jaca 'e s'ortu.

Mamma est vennita a s'ortu.
Apporrimi sa manu
E 'ocaminde, mama,
dae custa mala cama
de sa terra 'e s'ortu.
No mi lasses in terra
che infattu 'e gama.
Cramami a babbu, mamma,
chi torret dae gherra...

-'Itzu meu galanu,
no lu potto cramare.
Ca babbu est mortu in mare,
e tue ses orfanu,
'itzu meu galanu.

Tue lu des contare
in donzi terra e portu
chi hat tentu malu irgrabbu,
'itzu meu galanu.
Tue lu des contare
chi babbu est mortu in mare
in donzi terra e portu
chi babbu in mare est mortu.

Ohi sa calentura, sa calentura!
Unu ilu luchente mi porria caente
babbu, su mortu in mare,
mi lu porriat caente a m'ampilare
a caminu 'e chelos.

M'ampilaiat a fiancu
unu zovanu 'ertu,
su solopattu abbertu
de cristallo biancu
e un'ispada in manos.
E una 'erta in s'imbene
chei sa mea.

L'appompiaio jeo,
m'appompiaiat isse:
- Eres herido? - Sisse.
- Eres torero? - Nosse.
Vostè juchet in s'imbene una ferta
abberta, chei sa mea.

- Vostè es torero?
- Yo soy un rio de leones.
Gloria de Andalusia.
Tu eres torero?

- Nosse, vostè. Jeo no 'ippo torero.
Jeo 'ippo Juanne 'Arina,
pitzinnu minore.
A manzanu e a sero,
in tempus de laore,
de voes e de vaccas punghitore.
Ma no 'ippo torero.
In sa jaca 'e s'ortu
unu 'oe m'haiat incorratu.
Ma no 'ippo torero.

Calla. ninito, calla.
Tu eres torero!
Lo mas grande torero sardegnolo
desmayado pequeno.

Subimos juntos a los toros celestes.
Toma tu mano pequena
a esto herido leon
torero sardegnolito
ninito del corazon.

Antoninu Mura Ena

TESTAMENTU
Fizos, chi appedas una barca in mare,
e caddos e caddittos in sa janna,
cando babbu sa terra det lassare
no lu juttedàs a sa tanca manna.

Jiughidechèlu a sa tanca ‘e s’altura
chi at cun mama ‘ostra comporadu,
e imbolàdelu in s’urtima cresura
e lassadelu inie, abbandonadu.

Che i s’astore chi in s’aèra pàssada
e unu ‘entu malignu che lu imbòlada
a bassa terra, ei sas alas làssada
ispartas, e austu las assòlada.

liberos, rispettados, uguales

(P. Mereu)

DrpAdmSite
Offline
Last seen: 1 mese 2 settimane fa
Iscritto: Mar, 18/10/2005 - 16:16
Montanaru

ANTIOCO CASULA - MONTANARU

Nacque a Desulo nel 1878 e morì nel 1957. É considerato il maggior poeta lirico in lingua sarda.
Dopo aver frequentato due anni di ginnasio a Cagliari e tre nel collegio di Lanusei, abbandonò gli studi e a 18 anni si arruolò come sottufficiale nei carabinieri. In seguito lasciò la vita militare e visse modestamente a Desulo, prima come ufficiale postale e poi come insegnante.
Nel 1909 si sposò e nacquero due figli. La serenità familiare fu di breve durata: nel 1914 morì il figlio maggiore e due anni dopo perse anche la giovane moglie, colpita da un male incurabile.
Si dedicò alla scrittura di poesie in lingua sarda già in giovane età, diventando amico fraterno di molti intellettuali del periodo tra cui Sebastiano Satta, Francesco Ciusa, Giuseppe Dessì.

Fra le opere pubblicate in lingua sarda si ricordano i 4 volumi di poesia: Boghes de Barbagia (Voci di Barbagia) nel 1904, Canticos d’Ennargentu (Canti del Gennargentu) nel 1922, Sos cantos de sa solitudine (I canti della solitudine) nel 1934 e Sa Lantia (La lampada) nel 1950.

La Ninna nanna de Anton'Istene è la poesia struggente, provate a recitarla con un bambino in braccio e vedrete l'effetto che fà.

NINNA NANNA DE ANTON'ISTENE
(Sos cantos de sa solitudine)

Ninna nanna pizzinnu, ninna nanna
ti leo in coa e canto a duru duru,
dormi pizzinnu dormidi seguru
ca su cane ligadu hap'in sa gianna.

Babbu tuo de pena nd'est pienu
cant'est pienu s'orriu de trigu
ma tue dormi come in logu aprigu
cun cara tunda e animu serenu.

Si malos bisos faghes in su sonnu
tue non timas ne piangas mai,
cando t'ischidas t'ischidet mamai
nèndeti contos de nonna e de nonnu.

Unu caddittu t'hapo a comporare
cun sedda bella e cun frenu de oro;
des'andare in Caddura e Logudoro
e tott'a tie den invidiare.

Ti ponz'a coddu soga cun fusile
e duos canes ti peso pro cazza;
canes de Fonne, canes de arrazza
pro ti fagher difesa in su cuile.

E poi ti regalo elveghes chentu
e una tanca tottu fiorida,
una este de pannu colorida
e t'accumpagno finzas a Gennargentu.

Dae nie des bider custa terra
sardignola chi amo e des amare
sas lineas lontanas de su mare
s'isplendore lughent'e dogni serra.

Poi ti do una fortuna manna
pro chi mai in sa vida hapas dolore.
A la cheres? M'iscultet su Signore!
Ninna nanna pizzinnu, ohi ninna nanna.

---

IT'EST SA POESIA
(Sos cantos de sa solitudine)

It’est sa poesia?… Est sa lontana
bell’immagine bida e non toccada,
unu vanu disizu, una mirada,
unu ragiu ’e sole a sa fentana,

Unu sonu improvisu de campana,
sas armonias d’una serenada
o sa oghe penosa e disperada
de su entu tirende a tramuntana.

It’est sa poesia?… Su dolore,
sa gioia, su tribagliu, s’isperu,
sa oghe de su entu e de su mare.

Sa poesia est tottu, si s’amore
nos animat cudd’impetu sinceru,
e nos faghet cun s’anima cantare.

benennida
Ritratto di benennida
Offline
Last seen: 10 mesi 3 settimane fa
Iscritto: Ven, 24/03/2006 - 21:13
Melchiorre Murenu

Poeta improvvisatore in lingua sarda. Nacque a Macomer nel 1803. Divenne cieco ed orfano in tenera età e visse una vita di stenti. Dotato di un'eccezionale memoria, riuscì ad apprendere semplicemente frequentando la chiesa. Divenne poeta improvvisatore nelle sagre paesane, adottando i moduli popolari del poeti-cantori ed esprimendo con accenti drammatici il suo forte amore per la terra natale. Polemico e moralista, si scagliò contro la libertà dei costumi (A una giovane libertina, Sa muzere brincagiola), la povertà (Sa povertade), i mali sociali (S'Istadu de Sardigna, Sas isporchizias de Bosa) . Morì nel 1854. A proposito della sua morte, varie e contrastanti sono le versioni proposte: alcuni studiosi sostengono la tesi secondo la quale il poeta sarebbe stato ucciso da alcuni Bosani, risentiti per i versi mordaci contro la loro città, altri sostengono che sarebbe stato un esattore di Sassari a far uccidere il Murenu, per vendicare le offese rivolte alla figlia in una ben nota poesia, e altre ancora.

DA "S'ISTADU DE SARDIGNA"
Ite risolves, povera Sardigna,
Subr'a tantas disgrazias connotas,
Sos peccados t'han fattu gasi digna
De flagellos, castigos e azzottas.
Motivu, veramente, chi t'insigna
Ca tenes pagas animas devotas;
Servant sas azzotas insufribiles
Contr'a benes costantes e movibiles.

Mira sas istagiones cambiadas
C'affligint su coro in sas intragnas.
Fritturas, in s'atunzu, antecipadas.
Isteriles, patidas sas campagnas.
Abbas, in s'ilgerru, illimitadas.
Beranos oppremidos cun siccagnas.
E in sos istios, arias superbas
Pro cunvertire in pruer' sas erbas.

PENAS DE AMORE
Pro te, so caminand' in d' unu rancu.
Est preziosu chi prestu mi redùa
A morrer de affann' e de tristesa;
Faghemi custa grass' assumancu.
Nàrami:Cun sa suave boghe tua,
Cando has' abbandonare sa duresa?

Pro tenner cumpagni' a sa bellesa
Hapas de chie ti amat dolentia.
Po tenner a sa bellesa cumpagnia
Deves una bon' indula mustrare.
Faghemi custa grass' assumancu.
Nàrami:Cun sa suave boghe tua,
Cando sa duresa has'abbandonare?

Sa mort' a boghe mann' hap' giamare
Si sighis a m' offender che tiranna,
Sa mort' hap a giamar' a boghe manna.
Da-e custu mamentu la dimando.
Faghemi custa grass' assumancu.
Nàrami:Cun sa suave boghe tua,
Sa dures' abblandare tes e cando?

Ohi! cun ite toluggiu mi ch'ando
Cando mi ten' appoddigare s'oggiu,
Ohi! mi ch'ando cun ite tologgiu
Ca so mortu po unalughe giara.
Faghemi custa grass' assumancu.
Cando has' abblandare sa duresa?
Cun sa soave boghe tua, mi nara.

Tènende caridad' e pen'amara,
Prite mi privas sa vida terrena?
Tenende caridade amara pena
Cun su pattid' a su nessi ti sazia.
Cando has' abblandare sa duresa?
Nàrami: cun sa suave boghe tua,
Assumancu, mi faghe custa grazia!

Unu coro chi tenet efficazia
Cumbeniat amadu, che tesoro.
Si tenet efficazia unu coro,
No cumbenit lassar' agonizende.
A morrer de affannu' e de tristesa
Est preziosu, chi prestu, mi redùa,
Pro te, in d'unu rancu, caminende.

Sas penas e dolores mi suspende.
Procura de placare sos rigores.
Suspendemi sas penas e dolores,
Cun d'unu modu sabiu e onestu.
Po te so caminend' in d' unu rancu.
A morrer de affann' e de tristesa
Est preziosu chi mi redua, prestu.

Si ti revòcas in custu contestu,
Morte, lassam' istare, no mi occas!
E s' in custu cuntestu ti revòcas,
Perdonadu ti siat 'ogni dannu.
Po te sò caminend' in d' unu rancu.
Est preziosu, chi prestu mi redùa,
A morrer de tristes' e de affannu.

A volte non si ha abbastanza cuore

cherchizzu
Offline
Last seen: 9 anni 11 mesi fa
Iscritto: Mar, 13/03/2007 - 23:12
Re: Melchiorre Murenu

benennida ha scritto:

PENAS DE AMORE

Pro te, so caminand' in d' unu rancu.
Est preziosu chi prestu mi redùa
A morrer de affann' e de tristesa;
Faghemi custa grass' assumancu.
Nàrami:Cun sa suave boghe tua,
Cando has' abbandonare sa duresa?

Bella! questa non la conoscevo davvero...;
complimenti per la scoperta.
cherchizzu

frinas
Offline
Last seen: 5 anni 5 mesi fa
Iscritto: Gio, 20/10/2005 - 16:18
PIETRO MURA

Pietro Mura nasce a Isili nel 1906. La sua è una famiglia di ramai e commercianti di rame, attività alla quale si dedica anch'egli, con scarso interesse, dopo aver abbandonato la scuola elementare.
Comincia a comporre versi all'età di quattordici anni.
Si sposa a Nuoro, dove apre una bottega artigiana e gestisce una cartoleria. I magri affari lo inducono a partire come volontario in Africa Orientale, dove rimane dal 1936 al 1938.
Dopo la guerra si dedica a intense letture e raduna una ricca biblioteca che raccoglie numerosi classici della letteratura e del pensiero, ma soprattutto opere di poeti contemporanei, italiani e stranieri.
Il suo talento e i temi e i motivi dell Andalusia che ricorrono nei suoi componimenti gli valgono l'appellativo di Garcia Lorca sardo. Dal 1957 iniziò a partecipare al “Premio Ozieri”, dapprima come poeta, poi venne chiamato a far parte della giuria.
Morì il 16 agosto 1966.
AL "Premio Ozieri" ottiene i più ambiti riconoscimenti e viene invitato a far parte della giuria.
La poesia "Fippo operàiu 'e luche soliana", è considerata il manifesto della nuova poesia in lingua sarda.

Piero Marras, il noto cantautore, ha attinto a piene mani ai testi delle sue poesie per alcune delle sue migliori canzoni.

****************************************************************************************************************************
SOS CHIMBE ORFANEDDOS

Cherimos un arbor'e pache
e un arbor'e sole caente;
no l' imbias un arbor'e luna?

Naran jocande sos chimbe orfaneddos
chin candida boche de nibe,
sos chimbe orfaneddos jocande.

Cherimos un arbor'e luche
beranile, bestì'e lentore,
chin chentu puzones nidande.

Naran jocande sos chimbe orfaneddos
chin candida boche de nibe,
sos chimbe orfaneddos jocande.

O puru una macchin'e sole
chi fraichet mizas d'isteddos
pro los dare a sa notte nighedda
cand'aperin sa janna sos tronos.

Naran jocande sos chimbe orfaneddos
chin candida boche de nibe,
sos chimbe orfaneddos jocande.

Dego cherjo sa pach'e su pane;
dego cherjo s'amor'e su bentu;
dego cherjo una tanca frorìa;
dego chentu chitarras sonande;
dego cherjo una làmpana d'oro.

Naran jocande sos chimbe orfaneddos
chin candida boche de nibe,
sos chimbe orfaneddos jocande.

**************************************************************************************************************
L'ANA MORTU CANTANDE

L'hana mortu cantande
chin sa cantone in bucca
e mil'han accattau
in s'andala predosa ocros a chelu
chin su frore's sa morte
ispart'in fronte,
fit solu chin su frittu
e chin sa mala sorte;

Chin su bentu mossendeli sos pilos
e in artu sa luna pompiande;

Non l'hat cubau nemmanco su dolu
sos mortores fughios
che umbra mala
los hat bidos su ribu.

E sos seros de luna
cando dormin sas predas,
si sedet a contare in segretesa
a isteddos e nues
comente l'hana mortu.

Este ruttu chen'ischire d'haer vìviu
chen'ischire de morrere.

L'hana mortu cantande
chin sa cantone in bucca

****************************************************************************************************************
A SA BARBAGIA PRO SOS FIZOS MORTOS DE S' ÓDIU

Tristas che-i sa notte,
sas umbras de sos fizos de Barbagia
brusiaos de s'odiu,
si pesan(a), e s'isprican(a) sa pena
in sa luchente cara de sa luna,
chircande sos sorrisos isvanìos.

Fizos d'unu desertu irmenticau,
arau fortzis solu de sa morte,
naschìos d'una sorte fatt'e preda;
isettan(a) chi benzat su lentore
a lis labare sas pragas apertas.

Boches de solidade
su murmuttu tramandan
de edade in edade
ma su tempus est surdu.

Pesatinde Barbagia,
e dae su dolore
de fogu, ti nde fràbica un'ispada,
che-i su coro 'e su sole buddìa,
e brùsia sentza pena
sa radichin'e su martìriu tuo.

In su muru 'e s'ódiu
apéribi una janna
chi siat de artura tantu manna
cant'est artu su sole a mesudie;

chi siat del largura tantu larga
cant'est largu su coro 'e sa natura:
pro chi colet ridende su beranu
chin tottu sos profumos ch'at in sinu;

pro chi colet cantande s'arveschìa
chin tottu sos lentores de manzanu;
pro chi si nde cunfortet su desertu
e ti torret sos fizos fattos frores.

****************************************************************************************************************
FIPPO OPERÀIU ‘E LUCHE SOLIANA

E commo Deus de chelu
a chie canto
cust’ùrtima cantone cana?

A bentanas apertas
a su tempus nobu promissu
a Sardigna
barandilla de mares e de chelos?
Su bentu ghettat boches.

Commo m’ammento:
unu frore rùju
una melagranada aperta
una tempesta ‘e luche
cussa lapia ‘e ràmene luchente!

Fippo operàiu ‘e luche soliana
commo so’ oscuru artisanu de versos
currende un’odissea ‘e rimas nobas
chi mi torret su sonu ‘e sas lapias
ramenosas campanas
brundas timballas e concas
e sartàghines grecanas.

Cada corfu ‘e marteddu
allughia unu sole
e su drinnire
de una mùsica ‘e framas
m’ingravidabat su coro
e mi prenabat sos ocros
d’unu mare ‘e isteddos.

Frailàrju ‘e cantones friscas
camino a tempus de luche
pudande sos mezus frores
in custa paca die chi m’abbarrat
prontu a intrare
in su nurache ‘e s’umbra.

Gai fortzis su sole
in custa die de chelu
est bénniu a cojubare
frores de neulache
chin fruttos de melalidone.

liberos, rispettados, uguales

(P. Mereu)

bentu
Offline
Last seen: 7 anni 11 mesi fa
Iscritto: Sab, 24/02/2007 - 11:16
Antologia poetica sarda

RAIMONDO PIRAS
Nato a Villanova Monteleone il 29 ottobre 1905.
Poeta estemporaneo autodidatta, debuttò nei palchi delle sagre a soli 19 anni. Costretto al silenzio per tredici anni dal 1932 al 1945 a causa del divieto a cantare imposto a tutti i "cantadores" di quel periodo.
Riconosciuto da tutti come il massimo improvvisatore, dotato di un naturale senso critico,e di una vocazione formidabile per la composizione istantanea delle poesie con le quali era impossibile rivaleggiare sul palco.
Impossibile stabilire tutta la produzione di Piras, solo dopo la sua morte è stata curata una raccolta di poesie che sono però di genere meditativo:
".
Misteriu
Cand'a mie matessi eo domando
paret chi solu a musca tzega joghe,
paret ch'intenda néndemi una oghe:
"Deo ti nd'apo atìdu e ti che mando".
Li naro: "Si ses tue, prite tando
no ti presentas, po chi t'interroghe?
Ischire dia cherrer a inoghe
da inue so énnidu e ue ando".
Si finas s'esser meu m'est ignotu
po chi deo cun megus note e die
cunviva, si mi nán: "Tue ses chie?",
poto risponder: "No mi so connotu".
Naran chi tzeltos connoschen a totu
e deo no connosco mancu a mie

dari
Offline
Last seen: 9 anni 4 mesi fa
Iscritto: Lun, 26/02/2007 - 17:00
sempre a proposito di Remundu Piras

nuraghe

pedras duras, supelvas e costantes
chi po sempre a sa muda bos cagliades
puite nessi a mie non lu nades
chie funi sos bostros abbitantes
funi omines comunes o zigantes
eredes de antigas deidades?
Bois unu misteru inserrades
pro nois curiosos ignorantes
chi est chi bos at postu subra-pare,
cando e comente e piute bos ana fattu,
pro tumba, abbitu o pro altare?
De una imperidura obera umana
sezis testimonia seculare
ma sa genesi ostra est'arcana.

Remundu Piras

dari
Offline
Last seen: 9 anni 4 mesi fa
Iscritto: Lun, 26/02/2007 - 17:00
remundu piras

S'Umbra

No apo 'e mama una fotografia mancari chi su late nd'apa sutu,
ma la ido cun s'oju meu asciutu simile e tale che cando fut bia.

E-i s'immagine in sa fantasia cantos ammentos caros m'at allutu!
Si sa morte su corpus si ch'at giutu,
nessi s'umbra est restada in mente mia.

Paret chi l'ida cun su metro e tela, rea in sa banca sestende e medinde
o sétzida in sa machina tessinde
galana e colorida che una mela,
o cando m'atopait a carrela
po m'abbratzare, dae missa eninde

dari
Offline
Last seen: 9 anni 4 mesi fa
Iscritto: Lun, 26/02/2007 - 17:00
remundu piras

No dias segretu a femina

Segretu in coro 'e fémina no dùrada ca su pesu intro s'intimu l'istràcada:
est che i sa castanza chi s'insàcada in sa buscia e reparu si procùrada.

Ma indurit cumprinde e ammadùrada e íspinosu s'imbòligu ispàcada:
su frutu da sa bucia si distàcada e in su ratu a buca abbelta addùrada

E gai est sa femìna in su segretu:lu rezer a longu no reséssidi
no nde pasat si no s'illizéridi.

Serrende 'e dentes sas laras abbéridi e i cudd'est a pómpiu,
e deretu chena si nd'abbizare che li éssidi.

dari
Offline
Last seen: 9 anni 4 mesi fa
Iscritto: Lun, 26/02/2007 - 17:00
remundu piras

Sa cussentzia

Cosa chi sa cussentzia no ammìtidi no la fetas e mai no ti fides,
ca, testimonzu e reu, ischis e bides sa falta s'esser tou chi cummìtidi.

Sa cussentzia tua mai tzìdidi:

ti remproverat, drommas o ischides, e mediu no b'at chi ti nd'olvides ca sempre cussa nota ti repìtidi.

Est in donu chi fetas su distratu: cando s'orija tua ti faèddada e ti faghet reviver cudd'iscena,

sempre ses in martiriu e in pena ca s'orija a repicu ti martèddada e sempre s'umbra malal jughes fatu.

Su deghe 'e Abrile 1971

dari
Offline
Last seen: 9 anni 4 mesi fa
Iscritto: Lun, 26/02/2007 - 17:00
remundu piras

S'iscoba

Mi tratan po mundare sas alzolas e mandras e istallas po animales, chentinas, gupos, cubas, furros,

molas, poberas domos, palatos reales,casteddos e pinnetas campagnolas, recoveros,

cunventos, ispidales, teatros, crejas, carciaris, iscolas, bancas, cortes d'assise e tribunales.

ufiscios de altos magistrados cameras inue at petzos russos sedes d'eminentes porporados:

gai cheria tenner sa potentzia de intrare in s'intragna de totu cussos po lis poder pulire sa cussentzia

Accedi o registrati per inserire commenti.