Fiabe sarde

26 contenuti / 0 new
Ultimo messaggio
dari
Offline
Last seen: 9 anni 1 mese fa
Iscritto: Lun, 26/02/2007 - 17:00
Fiabe sarde

L'origine della via lattea

Una povera donna , una vedova che viveva sola , aveva da poco falciato e raccolto il grano di un suo campetto . Era la provvista per l'inverno e ogni chicco di grano era benedetto da Dio . Un vicino di casa , l'aveva aiutata a sistemare il frumento nell'aia , in attesa della battitura . Ma poiché era ormai quasi buio ed erano entrambi stanchi morti , il compare e la comare avevano collocato nel cortiletto , un pò alla rinfusa , i covoni della paglia insieme al grano ed erano andati a dormire nelle rispettive case . Durante la notte , una notte senza luna e senza vento , la donna si svegliò all'improvviso , disturbata da uno strano rumore che proveniva dall'esterno , proprio dalla sua aia . Era il rumore di un carro a buoi che si muoveva con circospezione , spinto da una voce soffocata e frettolosa :
>> Eeeh! Oooh! Trù su fò! << (tipico richiamo d'incitamento ai buoi).
Preoccupata , la donna si vestì svelta svelta , si precipitò alla porta e s'affacciò allo spioncino . Ma il buio era così profondo che non si distingueva la terra dal cielo , né gli uomini dalle bestie , né tantomeno gli amici dai nemici . Spaventata , chiamò allora a gran voce il compare , che dormiva nella casa vicina :
>> Ohi , compá ! <<
>> Eeeh?! << rispose il compare con una voce che sembrava venire dall'altra parte del paese , tanto era lontana .
>> Qualcuno mi sta rubando il grano <<
>> Nooo! > È solo un pò di vento << . E un pò di vento incominciò davvero a levarsi e a soffiare sull'aia , ora leggero , ora furioso , come l'ansimare di un'anima in pena . Per niente tranquillizzata , la comare uscì all'aperto e si guardò attorno , tentando disperatamente di trapassare con lo sguardo quel buio senza fine . Purtroppo neppure il cielo stellato le venne in aiuto , perchè la luminescenza delle stelle non era tanto forte da vincere l'oscurità della notte . Era davvero come si dice da noi , " notte del tutto " , quando , cioè , si è alla disperazione più nera .
>> Ohi , compá ! << gridò la comare spaventata .
>> Eeeh?! <<
>> Qui mi rubano il grano e la paglia << .
>> Nooo! È il vento vi dico << .
E la voce del compare era così lontana da sembrare addirittura che provenisse da una collinetta che si trovava poco fuori dal paese .
E proprio da quella collinetta incominciò pian piano a diffondersi nell'aria una pallida luminosità , come una scia di lucciole in processione che volavano lentamente verso il cielo . A mano a mano che la scia luminosa saliva , il paesaggio si schiariva tutt'intorno come un'alba precoce . E allora la comare riconobbe il carro del compare che aveva ormai raggiunto la cima della collina , stracarico di grano e di paglia . Ma dai sacchi semiaperti , per la fretta di scappare , scaturivano a ogni scossone del carro manciate di paglia e di grano , che si spargevano nell'aria sospinte dal vento .
>> Ohi , compá! <<
>> Eeeh?1 <<
>> Ma allora il ladro siete voi! <<
>> Nooo! È solo il vento.... <<
E il vento beffardo svuotava i sacchi di grano e di paglia dal carro del compare spergiuro , tracciando in direzione del cielo un lungo sentiero sinuoso , come un immenso stradone pieno di polvere sfavillante che portava alle stelle .
Così nacque la Via Lattea , che i pastori sardi chiamano ancora , appunto , su caminu 'e sa paza , la strada di paglia .

coronarta
Offline
Last seen: 9 anni 9 mesi fa
Iscritto: Lun, 11/12/2006 - 20:12
Fiabe sarde

Questi compari.. non ci si può mai fidare! carina.. :wink: Buona notte..

ISPADULE
Offline
Last seen: 7 anni 6 mesi fa
Iscritto: Mer, 03/05/2006 - 22:09
Fiabe sarde

Oh Dari, lo sai che ho letto la tua fiaba quando ero a letto e mi sono subito addormentato. Che stia tornando bambino. Boh, continua ti prego. Ciao

 Ispàdule

dari
Offline
Last seen: 9 anni 1 mese fa
Iscritto: Lun, 26/02/2007 - 17:00
altra fiaba....

DEDICA SPECIALE PER ISPADULE E PRENDA

PERA ZUANNE E SOS FIORES DE FILIGHE MASCRU.

B’aiad in tempus antigu, unu bandidu, su pius balente de tottu sa Gaddura. Una orta, no ischinde inube colare sa notte, dezididi de si corcare a pes de un’arbule ‘chercu. Si nde cala dae caddu, arrumbad su fusile a su truncu e s’arbule e si corcada subra ‘e una raighina, chircande ‘e si dromire. Mancari bi proverada, non resessiada a leare sonnu…S’ischidi chi sos omines bonos faghen impresse a si dromire ca jughen sa cussenzia netta ma issu…..po issu non fid gai!Cantu male aiad fattu, canta fura e cantos mortos li pesaian in s’animu!!Cando li suzzedia gai, si poniada a contare sos isteddos isettande a li ennere sonnu…Ma cussa notte, cando fidi po si che ingalenare, li pariada de intendere attesu cantos e sonos de zente faghinde festa. Subitu si nde pesada, imbrazza su fusile, appessamentadu …Chie mai podia riere e cantare a de notte, in mesu e su buscu ? Movindesi a pianu a pianu in mesu e sas mattas de chessa e a sas arbules, che lompede a un’arzola e che iede attesu una cresiedda. Fid ladinu chi sos cantos e sas brellas beniana dae inie. Duncas che torrat currinde a pes de s’arbule ‘e chercu, nde leada una tramesanedda ‘e inu e ch’anda a sa cresiedda. Lompidu a su lumenarzu ‘e sa cresia, a tramesana in manos, abboghinad:
-Cun custu inu onu e cun custa zente allegra b’essidi una bella festa!
A cussas peraulas sa zente chi bi fid intro e sa cresiedda si poned a riere, tottus, mannos e pizzinnos e lestros cominzana a ballare in tundu. Su bandidu, si che ponet accurzu ‘e issos, chircande de intrare in sos ballos ma subitu s’abbizza chi tottu custa zente, ( oh, no pare beru a lu contare!!), po ballare no poniada pes in terra!!
Su bandidu a bucca aberta no resessiada a narrere ne bì ne bò….Una bella zovana, arta, cun sos pilos nieddos che cabanu, cun sos ogros làtinos che chelu, lassas sos ballos e s’accorziada a su bandidu nandeli: - Pera Zuanne! Coment’istas? Sun tantos annos chi no nos bedimos…- Su bandidu fid troppu meravizzadu po rispondere subitu…pustis cun sa timoria in corpus, a filigheddu ‘e oghe li rispondede: - Tue….tue ses…
ma nudda, non li che essiada perra ‘e peraula. Aiad rejone a bistare mudu che crastu , ca cussa zovana fid una de sa idda sua, morta tantu tempus prima.
– Ista attentu Pera e Zuanne – li narad sa pisedda – iscurta sa oghe e sos isteddos e no ti ismentighes de brincare su lumenarzu cando est su mamentu justu….
- Ite chered narrere? – li preguntada su bandidu
- Cherzo narrere chi si ses innoghe est ca son isteddos cherian gai. Issos onzi notte iscurtana su lamentu po tottu su male chi as fattu e no ti lassa dromire. Custa est sa rejone po chi tue nos as connotu e po custu depes ballare cun nois su ballu e sos mortos. Faghe su chi ti naro: sa prima die de austu, depes calare a su frumene, a perras de mesanotte, e inie asa a biere tres fiores de filighe mascru. Calesiada cosa ti suzzedada tue los depes regollere: tando ebbia tue asa a dromire in paghe e sa matessi paghe l’asa a dare a tottu su mundu ca tottu sas gherras ana a finire.
- Deo appo a faghere commente mi naras tue- narad su bandidu-… ma ite chere narrere “brincare su lumenarzu”?
- Innoghe nois semus tottu mortos e si tue cheres addurare biu tepes ballare su ballu e sos mortos e a unu zertu puntu depes cantare goi:

CANTADE E BALLADE BOIS
CA SOS BALLOS SUN SOS BOSTROS
CANDO AN’A BENNER SOS NOSTROS
AMOS A BALLARE NOIS

In cussu matessi mamentu, un’omine ezzu cun sos mustazzos longos e arbi canu lu leada a unu brazzu e che lu tirada a mesu e sos ballos. Pustis de aet balladu po unu bellu pagu, s’ammenta de sas peraulas de sa zovana e subitu si ponede a cantare su chi l’aiat nadu issa. A intendere cussas peraulas sos mortos si partana tottus a unu chirru e su bandidu lestru brinca su lumenarzu, cuntentu de torrare in su mundu ‘e sos bios.
Senza perde tempus, currede a s’arbule ‘e chercu, leat su caddu e imbuccada a su frumene e, chirca chirca, agatada sa pranta e su filighe fiorinde. Fidi po etare sa manu a collire su primu fiore cando incominzada a proere a tragonaia cun lampos, tronos, randine e limbas de fogu chi pariana si che lu cherzerana ingullere. Su bandidu con coro frimmu betta sa manu e colli su fiore e…..tottu cussa temporada, in d’unu mamentu ch’isparidi. Ma non fid finida in cue….su terrinu incominzada a s’abberrere, e dae su buscu incominzana a nde essire sirbones, traos, baccas, tottus contra a su bandidu e una colora cun sos ogros in colore ‘e fogu imboligada e pigandeli in s’anca in chirca ‘e li che lompere a trugu. Ma su bandidu no s’iscorazzidi, betta sa manu e collid su segundu fiore….e tottu cussa barragallia ‘e animale isparidos in su nudda.
Cando si ingruziada po regollere s’urtimu fiore ‘e filighe intended attesu unu fiottu e caddos beninde a inube fid issu, corpos de fusile e boghes chi naraiana:
- Pera Zuanne! Pera Zuanne!
Subitu su bandidu cumprende chi sun sos sordados de su re chi lu sun chircande e cun sa timoria in su coro no pensa pius a regollere s’urtimu fiore. Lead su fusile sou e incominzada a isparare, a isparare, a isparare ….
Tottu cussu istremuzzu e caddos, sas boghes de sos sordados de su re, tottu in cussu matess’ora isparidu in su nudda e gai ‘e tottu su fiore e su filighe. Su bandidu aiada cumpresu chi non fid resessidu in sa proa de dare paghe a s’animu sou e a su mundu intreu. Oe ch’est oe in su mundu si sighidi a faghe sa gherra e chie faghe sa gherra sun omines chi timene e chi no ana corazzu…Ammentadebos chi bi cherede meda pius abilidade e pius corazzu a mantennere sa paghe.

DARI

ISPADULE
Offline
Last seen: 7 anni 6 mesi fa
Iscritto: Mer, 03/05/2006 - 22:09
Contos

Brava Dari.
questa è molto più impegnativa, è bella la morale. Solo che anzichè conciliare il sonno fa rimanere svegli. Ciao

 Ispàdule

frinas
Offline
Last seen: 5 anni 3 mesi fa
Iscritto: Gio, 20/10/2005 - 16:18
bellu custu contu...

PERA ZUANNE E SOS FIORES DE FILIGHE MASCRU.

Quote:
(...)
Tottu cussu istremuzzu e caddos, sas boghes de sos sordados de su re, tottu in cussu matess’ora isparidu in su nudda e gai ‘e tottu su fiore e su filighe. Su bandidu aiada cumpresu chi non fid resessidu in sa proa de dare paghe a s’animu sou e a su mundu intreu. Oe ch’est oe in su mundu si sighidi a faghe sa gherra e chie faghe sa gherra sun omines chi timene e chi no ana corazzu…Ammentadebos chi bi cherede meda pius abilidade e pius corazzu a mantennere sa paghe.
DARI

se mai, dico, se mai un giorno ti dovessi conoscere di persona... - bella sia o fea, femina, mascru o trasgender chi sias... unu asu "a pizziccotti" non ti l'iscampas!!
f.

liberos, rispettados, uguales

(P. Mereu)

dari
Offline
Last seen: 9 anni 1 mese fa
Iscritto: Lun, 26/02/2007 - 17:00
Re: bellu custu contu...

ecco....i tuoi dubbi sciolti come neve al sole....questa sono io in uno dei miei hobbies preferiti.....
merito ancora quel bacio a pizzicotti? spero non ti lascerai ingannare dal monociglio....
strabaciapizziccotti
DARI :wink:

frinas
Offline
Last seen: 5 anni 3 mesi fa
Iscritto: Gio, 20/10/2005 - 16:18
Re: bellu custu contu...

dari ha scritto:
....questa sono io in uno dei miei hobbies preferiti.....
merito ancora quel bacio a pizzicotti? spero non ti lascerai ingannare dal monociglio....

Ecco, l'ischìo... unu transgender avrei beccato! Va benissimo così eh! Magari un attimo in più di preparazione psicologica ma,... no problem davvero!!!
E poi, vuoi mettere una storia di strabaciapizziccotti con Frida Khalo?... tottu su Situ nde preno...

(ess'a maccos chi semus..., deo!)

liberos, rispettados, uguales

(P. Mereu)

latranghicurza
Offline
Last seen: 9 anni 8 mesi fa
Iscritto: Lun, 04/09/2006 - 17:14
Fiabe sarde

Ma che teneriiii...Sta nascendo qualcosa x caso? :lol:

ISPADULE
Offline
Last seen: 7 anni 6 mesi fa
Iscritto: Mer, 03/05/2006 - 22:09
Re: altra fiaba....

dari ha scritto:
DEDICA SPECIALE PER ISPADULE E PRENDA

PERA ZUANNE E SOS FIORES DE FILIGHE MASCRU.
-------------------------------------------------------------------------------------
Grazie Dari della dedica. Tottu sa vida nostra est una gherra. Chie pro sopravvivere, chie pro agattare una traballiu, chie pro su saludu chi li mancada. Semus in d' una lotta continua. Ma sa pius ignobile este sa gherra cun sas armas ca occhini sa zente, innozente. Ciao

 Ispàdule

dari
Offline
Last seen: 9 anni 1 mese fa
Iscritto: Lun, 26/02/2007 - 17:00
Fiabe sarde

....è un piacere Ispà... troppo simpatico mi stai!!!!
Adiosu
dari

dari
Offline
Last seen: 9 anni 1 mese fa
Iscritto: Lun, 26/02/2007 - 17:00
Fiabe sarde

Quote:
Non fatto solu ghèrras chi si poden bìnchere o perdere; fatto sas chi mi pàren zustas.

OH FRRRI...NARAMI CALE SUNU SAS "GHERRAS ZUSTAS" ....ca a mie mi parede chi de zusta no bi nde eppa manc'una.....

DARI

frinas
Offline
Last seen: 5 anni 3 mesi fa
Iscritto: Gio, 20/10/2005 - 16:18
e pagu bene è sas gherras de frinas!

dari ha scritto:
Quote:
Non fatto solu ghèrras chi si poden bìnchere o perdere; fatto sas chi mi pàren zustas.

OH FRRRI...NARAMI CALE SUNU SAS "GHERRAS ZUSTAS" ....ca a mie mi parede chi de zusta no bi nde eppa manc'una.....
DARI

Intantu lassami sas boghes ca si nò ti càncaro sas manos e sa prima Gherra Zusta est contr'a tie!!! Mi chi sò brullande.....;
E pagu bene! E a bonu si tottu sas gherras (inzustas e zustas) fin bistadas comente sas gherras de Frinas, neppuru issu...;
A parte che non dovresti dargli mai retta in quanto, l'avrai visto, nella firma, salta da uno stato d'animo di beata contemplazione degli occhi de "s'amorada sua" a sos burdellos de sas gherras ..... zustas e ingiustas chi siana.
A unu gai ite li cheres faghere?
Zucca li faghes.
E in effetti, io so che quando frinas ha voluto adottare quella frase come firma, non pensava minimamente alle guerre "classiche", ad armi, sangue, eserciti etc.etc.

E tuttavia, ci sono guerre che "giustamente" bisogna combattere, altrimenti, credo la vita non varrebbe la pena d'essere vissuta. L'ignavia ed il qualunquismo sono infinitamente più "violente" nella loro assenza di indignazione e di tensione morale, di battaglie e scazzi apparentemente più "guerreschi".
Ma la chiudo qui con frinas perchè ritengo che questo suo concetto (piccoccu...ma tontu!! si dice) sia mirabilmente racchiuso ed argomentato su questo scritto di circa 70 anni orsono.... lezze darighedda mia, lezze.... e lezzide 'ois puru, abbirgonzìdos!!!

Quote:
Diceva Gramsci nel 1917:
“Odio gli indifferenti. Credo che vivere voglia dire essere partigiani. Chi vive veramente non può non essere cittadino e partigiano. L'indifferenza è abulia, è vigliaccheria, non è vita. Perciò odio gli indifferenti.
L'indifferenza è il peso morto della storia. L'indifferenza opera potentemente nella storia. Opera passivamente, ma opera. È la fatalità; è ciò su cui non si può contare; è ciò che sconvolge i programmi, che rovescia i piani meglio costruiti; è la materia bruta che strozza l'intelligenza. Ciò che succede, il male che si abbatte su tutti, avviene perché la massa degli uomini abdica alla sua volontà, lascia promulgare le leggi che solo la rivolta potrà abrogare, lascia salire al potere uomini che poi solo un ammutinamento potrà rovesciare. Tra l'assenteismo e l'indifferenza poche mani, non sorvegliate da alcun controllo, tessono la tela della vita collettiva; e la massa ignora, perché non se ne preoccupa: e allora sembra sia la fatalità a travolgere tutto e tutti, sembra che la storia non sia altro che un enorme fenomeno naturale, un'eruzione, un terremoto del quale rimangono vittime tutti, chi ha voluto e chi non ha voluto, chi sapeva e chi non sapeva, chi era stato attivo e chi indifferente. Alcuni piagnucolano pietosamente, altri bestemmiano oscenamente, ma nessuno o pochi si domandano: se avessi fatto anch'io il mio dovere, se avessi cercato di far valere la mia volontà, sarebbe successo ciò che è successo? Odio gli indifferenti anche per questo: perché mi dà fastidio il loro piagnisteo da eterni innocenti. Chiedo conto a ognuno di loro del come ha svolto il compito che la vita gli ha posto e gli pone quotidianamente, di ciò che ha fatto e specialmente di ciò che non ha fatto. E sento di poter essere inesorabile, di non dover sprecare la mia pietà, di non dover spartire con loro le mie lacrime.
Sono partigiano, vivo, sento nelle coscienze della mia parte già pulsare l'attività della città futura che la mia parte sta costruendo. E in essa la catena sociale non pesa su pochi, in essa ogni cosa che succede non è dovuta al caso, alla fatalità, ma è intelligente opera dei cittadini. Non c'è in essa nessuno che stia alla finestra a guardare mentre i pochi si sacrificano, si svenano. Vivo, sono partigiano. Perciò odio chi non parteggia, odio gli indifferenti”.

liberos, rispettados, uguales

(P. Mereu)

dari
Offline
Last seen: 9 anni 1 mese fa
Iscritto: Lun, 26/02/2007 - 17:00
Fiabe sarde

Quote:
Intantu lassami sas boghes ca si nò ti càncaro sas manos e sa prima Gherra Zusta est contr'a tie!!!

....e tanti saluti ai baci a pizzicotti.....

Quote:
salta da uno stato d'animo di beata contemplazione degli occhi de "s'amorada sua" a sos burdellos de sas gherras .

non c'è molta differenza tra le cose. Inter ambos possono dare sensazioni molto forti.

Quote:
E tuttavia, ci sono guerre che "giustamente" bisogna combattere, altrimenti, credo la vita non varrebbe la pena d'essere vissuta. L'ignavia ed il qualunquismo sono infinitamente più "violente" nella loro assenza di indignazione e di tensione morale, di battaglie e scazzi apparentemente più "guerreschi".

Chiunque, a meno che non si tratti di un protista, abbia insito il concetto di giustizia, prova naturalmente disprezzo per chi vanta ignavia e qualunquismo. Combattere le proprie battaglie , sentirsi vivi, significa provare quel sentimento gagliardo di responsabilità e amore per la vita, il tutto condito dal giudizio etico e psicologico dell'individuo stesso, che per natura estranea i vigliacchi e i neutrali dalla società, del bene o del male che sia.Purtroppo la schiera dei "senza-partito" è ancora troppo lunga. Attendiamo un ulteriore risveglio delle coscienze...

vado a farmi il secondo caffè, sempre chi sa cancaradura 'e manos mi consenta di preparare la moka.

ciao

frinas
Offline
Last seen: 5 anni 3 mesi fa
Iscritto: Gio, 20/10/2005 - 16:18
zero gherras...

dari ha scritto:
Quote:
Intantu lassami sas boghes ca si nò ti càncaro sas manos e sa prima Gherra Zusta est contr'a tie!!!

....e tanti saluti ai baci a pizzicotti.....
vado a farmi il secondo caffè, sempre chi sa cancaradura 'e manos mi consenta di preparare la moka.

darighedda mì... ma non mettermi il muso mì; (se nò mi sembri una bambina bella ammurrionata che mi ricordo una volta tanti anni fà abitava in paese... ; non la conosci); chi fit brullande tiu Frinas... che già non te le cancarerei mai le mani; figurati che non sono mai riuscito a dare manco uno sculaccione a pitzinnos "imbeleschidos" de abberu! A tie poi...

Quote:
ciao
Ite ciao? Rivoglio i miei baci a pizziccotti! Prumona!

Latry ha scritto:
Ma che teneriiii...Sta nascendo qualcosa x caso? :lol:
Gelosa? Chie est gelosa morid corruda! (prego inserire in Narat su dizzu, please!); Nooo Latry adorata, scherziamo: adesso l'occasione per "la badduda" era troppo ghiotta! Tu sei ormai troppo navigata del nostro Forum per far finta di non sapere quanto ci vogliamo bene tra conchidortos... (bidu as appena è arrivato un attacco dall'esterno (ciao Corry... tutto ok?); abbiamo smesso di "allegramente scannarci l'un l'altro" e siamo insorti comente unu "nidu de Espros"! E' inutile, su sambene no est'abba!

liberos, rispettados, uguales

(P. Mereu)

latranghicurza
Offline
Last seen: 9 anni 8 mesi fa
Iscritto: Lun, 04/09/2006 - 17:14
Fiabe sarde

Ma Frinas!!!!Come potrei essere gelosa????Sono una romanticona, e speravo che fosse nato qualcosa di più dell' affetto fra paesani conchidortos :wink: ....

dari
Offline
Last seen: 9 anni 1 mese fa
Iscritto: Lun, 26/02/2007 - 17:00
Fiabe sarde

latr...ciao...ma cale romanticismo!!! innoghe si faedda de cancaraduras...e poi micciomiccio bau bau....prima bastone e poi carota....
custos omines...vorrei essere nella loro testa....anche se, sono sicura, proverei la sensazione di vuoto assoluto....
un bacio per latr etc. etc.
DARI

latranghicurza
Offline
Last seen: 9 anni 8 mesi fa
Iscritto: Lun, 04/09/2006 - 17:14
Fiabe sarde

Dari Dari..omminer sunu...e Itte cheres a narrere...menzur mi callio.... :lol: :lol:
Un bacio anche a te... :wink:

ISPADULE
Offline
Last seen: 7 anni 6 mesi fa
Iscritto: Mer, 03/05/2006 - 22:09
Fiabe sarde

dari ha scritto:
latr...ciao...ma cale romanticismo!!! innoghe si faedda de cancaraduras...e poi micciomiccio bau bau....prima bastone e poi carota....
custos omines...vorrei essere nella loro testa....anche se, sono sicura, proverei la sensazione di vuoto assoluto....
un bacio per latr etc. etc.
DARI

"Chi disprezza compra" dice un vecchio proverbio. Se manchiamo noi uomini? Beh, non succederebbe niente. I tempi moderni consentono le più varie ambiguità. Le donne "normali" dicono che gli uomini, se non ci fossero, bisognerebbe inventarli. Gli uomini "normali", di contro, dicono che se le donne non ci fossero bisognerebbe inventarle. Ogni riferimento a persone o cose è puramente casuale. Comunque "Evviva le donne". Il parere di Frinas, uso a cancarare, qual' è? Ciao

 Ispàdule

frinas
Offline
Last seen: 5 anni 3 mesi fa
Iscritto: Gio, 20/10/2005 - 16:18
Fiabe sarde

ISPADULE ha scritto:
Comunque "Evviva le donne". Il parere di Frinas, uso a cancarare, qual' è? Ciao

Un giornalista una volta chiese ad Albert Einstein, il più grande genio
scientifico dopo Isaac Newton, di spiegare la formula del suo successo.
Dopo una breve riflessione rispose: «Se A è il successo, direi che la
formula è: A=X+Y+Z, laddove X rappresenta il lavoro e Y il gioco».
«E Z cosa rappresenta?», chiese il giornalista.
«Tenere la bocca chiusa», replicò lui.

A forza di dare risposte e pareri Ispà, nell'ultima settimana Frinas ha omesso la Z...; ora "Vi" devo una pausa di almeno 36/48 ore. Controlla su logu. :wink:

liberos, rispettados, uguales

(P. Mereu)

ISPADULE
Offline
Last seen: 7 anni 6 mesi fa
Iscritto: Mer, 03/05/2006 - 22:09
Fiabe sarde

Frinas ha scritto:
Un giornalista una volta chiese ad Albert Einstein, il più grande genio
scientifico dopo Isaac Newton, di spiegare la formula del suo successo.
Dopo una breve riflessione rispose: «Se A è il successo, direi che la
formula è: A=X+Y+Z, laddove X rappresenta il lavoro e Y il gioco».
«E Z cosa rappresenta?», chiese il giornalista.
«Tenere la bocca chiusa», replicò lui.
A forza di dare risposte e pareri Ispà, nell'ultima settimana Frinas ha omesso la Z...; ora "Vi" devo una pausa di almeno 36/48 ore. Controlla su logu. :wink:


-------------------------------------------------------------------------------
OK ricevuto. Passo e chiudo.................

 Ispàdule

bobo
Offline
Last seen: 2 anni 4 mesi fa
Iscritto: Lun, 04/09/2006 - 17:57
Fiabe sarde

Su contu de: Tigiosu

Cera una volta un giovane, chiamato “Tingiosu”, che se ne andava in cerca di lavoro, quando incontrò un prete che aveva bisogno di un servitore e così si accordarono.
Al mattino il giovane cominciò a lavorare, diede da mangiare ai buoi e li aggiogò all’aratro. Partirono poi per andare ad arare, ma si dimenticarono le lame dell’aratro. Il giovane si offrì per andare a prenderle; poi lavorarono per tutto il giorno.
L’indomani Tingiosu ebbe il compito di portare i maiali al pascolo e li portò in un campo di proprietà dell’orco.
Si fece uno zufolo in canna , salì in cima all’albero più alto e si mise a suonare. Ad un certo punto comparve l’orco e gli chiese il perché fosse salito così in alto. Cercava di convincerlo a scendere perché lo voleva uccidere, ma Tingiosu rispondeva di no.
Poi il ragazzo rivolgendosi al l’orco disse: “Cosa credi che, se scendo da qua, temo?”.
Il giovane aveva in una tasca dei pezzi formaggio a forma di pallina, e
Nell’altra tasca delle pietre bianche dello stesso colore del formaggio. Tingiosu si mise a mangiare il formaggio e l’orco gli chiese cosa stesse mangiando; il giovane gli mostrò le pietre e quando gli chiese di fargliene assaggiare una, gliela lanciò,
avvertendolo, però, che non ce l’avrebbe fatta a masticarla, perchè per lui era troppo dura. In effetti l’orco la trovò dura e chiese come faceva a mangiarla; il ragazzo glielo mostrò, solo, che lui mangiava il formaggio, non le pietre. L’ orco rimase molto impressionato e invitò Tingiosu a casa sua. Siccome era già buio, il giovane accettò. Preparano la cena, cenarono poi l’orco gli disse che voleva imparare a suonare lo zufolo, ma il ragazzo gli rispose che era troppo difficile. La casa era a due piani, l’orco fece coricare Tingiosu nel piano di sotto e lui si coricò nel piano di sopra. Tra i due piani c’era un buco, l’orco aveva messo il letto di Tingiosu proprio in direzione del foro, in quanto contava di uccidere il ragazzo facendogli cadere sopra una palla di ferro; ma Tingiosu non si fidava di quel buco e, pertanto, durante la notte, spostò il letto. Quando l’orco ritenne che il ragazzo dormisse, lasciò cadere la palla di ferro nel foro e tornò a dormire. Allora Tingiosu, furbo, spostò nuovamente il letto, mettendolo nella posizione originaria.
Al mattino il primo ad alzarsi fu Tingiosu. Si alzò anche l’orco e rimase stupito vedendolo e vedendo che il letto era in posizione del foro.
Gli chiese: ‘Non hai per caso sentito un rumore, stanotte?”.
“Ho sentito come un moscerino passarmi sulla testa”.
L’orco si spaventò ancora di più e tra sé pensava: “Questo è più forte di me”. Siccome l’orco doveva andare a portare una fascina di legna per fare il fuoco, Tingiosu gli chiese: “Cosa cerchi?”.
E l’orco: “Sto cercando una fune per portare una fascina di legna”. E Tingiosu:
“Se vuoi, vado io. Però mi devi trovare una fune che sia lunga, per poter portare tutta la montagna vicino a casa”.
L’orco si spaventò ancora di più: “No! Così mi rovini; vado io così ne porto una piccola fascina”. Andò, tagliò la legna di metà montagna, ne fece una fascina e la portò a casa; poi chiese: “Mi insegni a suonare lo zufolo?’. E Tingiosu: “Va bene, te lo insegno, però tu devi rimanere a farti fare quello che hanno fatto a me”. L’orco chiese cosa gli avevano fatto. Tingiosu gli fece infilare le mani nella spaccatura di un tronco e l’orco rimase così incastrato. Il giovane allora chiamò i maiali e scappò. Per strada incontrò un macellaio e gli vendette i maiali, tenendo per se solamente le punte delle orecchie e delle code.
Proseguì poi il suo cammino sino ad una palude; si fermò e ci mise dentro le punte delle orecchie e delle coda dei maiali, quindi si diresse a casa del prete. Giuntovi gli comunicò che i maiali erano sprofondati nella palude. Il prete corse a vedere se ne poteva salvare qualcuno. Una volta arrivato, si tolse le scarpe, gli abiti ed entrò nella palude ma sprofondò e morì. Tingiosu allora si recò nuovamente a casa del prete e, con un espediente si fece consegnare tutti i soldi dalle sorelle di lui. Ando ia ricco e visse felice per il resto dei suoi giorni.

ISPADULE
Offline
Last seen: 7 anni 6 mesi fa
Iscritto: Mer, 03/05/2006 - 22:09
Fiaba sarda

Dari,
ma quel Tingiosu era veramente furbo. Ma quanti ce ne sono di furbi in Italia. Iniziando dai nostri politici che oltre ad essere furbi sono anche quelli che sperperano i soldi delle nostre tasse. Brava Dari, raccontaci altre fiabe. Ciao

 Ispàdule

dari
Offline
Last seen: 9 anni 1 mese fa
Iscritto: Lun, 26/02/2007 - 17:00
Fiabe sarde

Bobo...ti ihanno appena sottrato la paternità di Tingiosu....ci penso io....

ISPA'!!!!!! NON SONO IO LA MAMMA DI "TINGIOSU" !!!!! E' BOBO!!!!!

lo so che vivo nella tua mente e ti ringrazio ma questa non è opera mia...però è una bella storia!!!! bravo BOBO!!! :wink: :D

dari
Offline
Last seen: 9 anni 1 mese fa
Iscritto: Lun, 26/02/2007 - 17:00
Fiabe sarde

Quote:
Le donne "normali" dicono che gli uomini, se non ci fossero, bisognerebbe inventarli. Gli uomini "normali", di contro, dicono che se le donne non ci fossero bisognerebbe inventarle.

ISPA'???????
lo sai perchè l'uomo è stato creato prima della donna?

Perchè prima del capolavoro si fa sempre........l'abbozzo!!!!!!! :lol: :lol: :lol:

DARI

ISPADULE
Offline
Last seen: 7 anni 6 mesi fa
Iscritto: Mer, 03/05/2006 - 22:09
Fiabe sarde

dari ha scritto:
Quote:
Le donne "normali" dicono che gli uomini, se non ci fossero, bisognerebbe inventarli. Gli uomini "normali", di contro, dicono che se le donne non ci fossero bisognerebbe inventarle.

ISPA'???????
lo sai perchè l'uomo è stato creato prima della donna?

Perchè prima del capolavoro si fa sempre........l'abbozzo!!!!!!! :lol: :lol: :lol:

DARI


Mamma mia, l' avessi saputo ti avrei prestato volentieri una costola, senza l' abbozzo però..................................... Ciaooooooo

 Ispàdule

Accedi o registrati per inserire commenti.