Ricordando Gramsci

11 contenuti / 0 new
Ultimo messaggio
dari
Offline
Last seen: 9 anni 4 mesi fa
Iscritto: Lun, 26/02/2007 - 17:00
Ricordando Gramsci

LETTERA LIII
SENZA LA CODA

Carissima Tania,
io non sono mai stato un giornalista che vende la sua penna a chi gliela paga meglio e deve continuare a mentire, perché la menzogna entra nella sua qualifica professionale. Sono stato giornalista liberissimo, sempre di una sola opinione e non ho mai dovuto nascondere le mie convinzioni per far piacere a dei padroni..
E’ strano che tu vorresti da me una spiegazione del fatto che alcuni cosacchi credevano che gli ebrei avessero la coda. Si tratta di una barzelletta racontatami da un ebreo, commissario politico di una divisione d’assalto di cosacchi di Oremburg durante la guerra russo-polacca del 1920. Questi cosacchi non avevano ebrei nel loro territorio e li concepivano secondo una propaganda clericale come esseri mostruosi che avevano ammazzato Dio. Essi nn volevano credere che il commissario politico fosse ebreo “Tu sei dei nostri”- gli dicevano – “non sei un ebreo; sei pieno di cicatrici delle ferite toccate dalle lance polacche, combatti sempre con noi e gli ebrei sono un’altra cosa”.
La questione delle razze non mi interessa. Così è senza valore il tuo accenno all’importanza dei sepolcri per ciò che riguarda la civiltà. Ciò è vero solo per i tempi più antichi, per i quali i sepolcri sono i soli monumenti non distrutti dal tempo e perché dentro i sepolcri accanto al defunto, venivano messi gli oggetti della vita quotidiana. In ogni caso questi sepolcri ci danno un aspetto molto limitato dei tempi in cui furono costruiti.
Io non ho nessuna razza: mio padre è di origine albanese, mia madre è sarda per il padre e per la madre e la Sardegna fu unita al Piemonte solo nel 1847, dopo essere stata un feudo personale e un patrimonio dei principi piemontesi che la ebbero in cambio della Sicilia che era troppo lontana e meno difendibile.Tuttavia la mia cultura è italiana fondalmentalmente e questo è il mio mondo. Non mi sono mai accorto di essere dilaniato tra due mondi. D’altronde nessuno in Liguria si spaventa se un marinaio si porta al paese una moglie negra. Non vanno a toccarla col dito insalivato per vedere se il nero va via né credono che le lenziola rimarranno tinte di nero.
Ti abbraccio teneramente

Antonio

Brano tratto da “L’albero del riccio” - Antonio Gramsci

DrpAdmSite
Offline
Last seen: 1 mese 2 settimane fa
Iscritto: Mar, 18/10/2005 - 16:16
Ricordando Gramsci

Grazie Dari, questo topic lo mettiamo tra i libri.

Temevo questo topic, ma sapevo che prima o poi sarebbe arrivato, conosco talmente poco di Gramsci che mi vergogno assai, non so cosa scrivere.
Devo leggere seriamente qualcosa, questi giorni stanno scrivendo che è l'autore italiano più letto e studiato all'estero! Credo che comincerò dalla biografia del nostro compaesano Peppino.

Peppino raccontaci qualcosa!

dari
Offline
Last seen: 9 anni 4 mesi fa
Iscritto: Lun, 26/02/2007 - 17:00
Ricordando Gramsci

ok, sistemalo tu nel posto più adatto.
"L'albero del riccio" è una raccolta di racconti epistolari che presentano un Gramsci inedito, un Gramsci bambino ricco di fantasia, animato dalla curiosità del sapere, adolescente innamorato della cultura fondamentale per il riscatto sociale dell'uomo, politico, maestro e padre che, benchè incarcerato, non perde d'occhio la crescita dei suoi figli. Consiglio a tutti la lettura!!
Peppi...che ne dici?
Adm.. quando vuoi ....lo sai, non hai che da chiedere....
Dari

dari
Offline
Last seen: 9 anni 4 mesi fa
Iscritto: Lun, 26/02/2007 - 17:00
Ricordando Gramsci

AH! DIMENTICAVO.. IN www.sardegnacultura.it POTRETE TROVARE TUTTI GLI EVENTI LEGATI A GRAMSCI IN OCCASIONE DI SA DIE E SA SARDIGNA ED IN RELAZIONE AL 70° ANNIVERSARIO DELLA SUA MORTE. STASERA A ITTIRI C'E' UN INTERESSANTE CONVEGNO, ORE 18 AULA MAGNA SCUOLA MEDIA

ancu m'idan zega
Offline
Last seen: 9 anni 12 mesi fa
Iscritto: Lun, 20/02/2006 - 08:46
Ricordando Gramsci

Mi unisco a Su mere
anche io non ho mai letto niente di gramsci, ne alle scuole medie sia inferiori sia superiori ne all'università.. eppur avevo sia l'esame "storia della Sardegna" sia "stori contemporanea"..

chiedo, perchè non lo si studia?

molto interessante poi il link dato da Dari. qualcuno di voi andrà?

bentu
Offline
Last seen: 7 anni 11 mesi fa
Iscritto: Sab, 24/02/2007 - 11:16
Ricordando Gramsci

ancu m'idan zega ha scritto:

molto interessante poi il link dato da Dari. qualcuno di voi andrà?

cara midanzega svegliati ...........il convegno era il 28 .....al limite ci facciamo dare la registrazione ,se l'hanno fatta

adiosu ...midanzega

dari
Offline
Last seen: 9 anni 4 mesi fa
Iscritto: Lun, 26/02/2007 - 17:00
Ricordando Gramsci

Io sono stata a Ittiri per il convegno su Gramsci dove si è delineato un ritratto davvero interessante de "su gherradore sardu chena tempus". Devo dire che mi è piaciuto molto l'intervento del prof. Arca, docente lingua catalana università di ss, che ha sapientemente illustrato e messo in evidenza il sardismo gramsciano, l'autonomia e il federalismo, la questione meridionale con l'agghiacciante suddivisione in "nordici" e "sudici" ma soprattutto l'amore per la lingua sarda. Meno scorrevole, nonostante la riduzione in pillole, è stato l'intervento di un giovane ricercatore sardo che lavora presso l'università du urbino, Gianni Fresu, il quale ha posto la questione gramsciana sotto il profilo strettamente filosofico, incoraggiando l'insorgere di numerosi punti interrogativi sopra le teste degli ascoltatori . Notevole l'intervento dello studioso Manias, il quale nonostante le evidenti difficoltà respiratorie, ha proposto un bel "Gramsci per immagini" (ho temuto diverse volte per la sua incolumità.....). Comunque, a giorni, avrò il dvd con tutto il convegno.....
Dari

dari
Offline
Last seen: 9 anni 4 mesi fa
Iscritto: Lun, 26/02/2007 - 17:00
Ricordando Gramsci

ancu m'idan zega ha scritto:
Mi unisco a Su mere
anche io non ho mai letto niente di gramsci, ne alle scuole medie sia inferiori sia superiori ne all'università.. eppur avevo sia l'esame "storia della Sardegna" sia "stori contemporanea"..

chiedo, perchè non lo si studia?

molto interessante poi il link dato da Dari. qualcuno di voi andrà?

In effetti nelle nostre scuole si studia poco, nonostante Gramsci sia oggetto di studio in tutto il mondo, nelle maggiori Università.
Dal mio programma annuale Gramsci non manca mai; in classe leggiamo le storie-epistole contenute ne "L'albero del riccio", non per fare la maestrina, ma ve lo consiglio caldamente. Non tutti gli insegnanti però lo propongono e nonostante alcune lettere siano contenute nelle antologie adottate, numerosi sono i colleghi che deliberatamente lo dribblano.Diverse volte io stessa ho incontrato degli ostacoli, abbondantemente superati, da parte di genitori forse un pò troppo "litori".... vi dico solo che alcuni hanno finito per leggere Gramsci con i loro figli!!!
Chimmi, sai benissimo che all'università i corsi istituzionali e quelli monografici sono a discrezione del prof. Purtroppo molto dipende dall'orientamento politico del docente. Spesso il lavoro del docente con gli studenti è subordinato a qualche ricerca privata, evidenziando alcuni periodi storici e tralasciandone altri. Università non vuol dire universalità degli studi.... il "fai da te" spesso può essere molto produttivo!!! Quindi letture personali a manetta!!!
Dari :wink:

ancu m'idan zega
Offline
Last seen: 9 anni 12 mesi fa
Iscritto: Lun, 20/02/2006 - 08:46
Ricordando Gramsci

Già, a proposito del convegno non mi riferivo a quello del 28 già trascorso ma il prossimo più vicino che era quello del 4. purtroppo l'ho solo pensato e non scritto.. mannaggia, la telepatia non funziona!!

Hai ragione Dari per quanto riguarda l'Università. I corsi monografici erano per Storia della Sardegna i Condaghes e per Storia Contemporanea le donne e la Resistenza.. e guarda caso i professori di entrambi i corsi erano particolarmente interessati a quegli argomenti specifici...

dari
Offline
Last seen: 9 anni 4 mesi fa
Iscritto: Lun, 26/02/2007 - 17:00
Ricordando Gramsci

Io ho seguito, per quanto riguarda storia contemporanea, un corso monografico agghiacciante... La storia dei papi contemporanei....una cioffeka!
Solo perchè la Fois aveva bisogno di relazioni già pronte...e tanti saluti a Gramsci e compagnia cantante.....Comunque vi posterò alcuni brani, belli, bellissimi, da "Lettere dal carcere" e da "L'albero del riccio"....
Dari

Orolio
Offline
Last seen: 9 anni 11 mesi fa
Iscritto: Mar, 26/06/2007 - 09:22
Ricordando Gramsci

COMUNE DI GONNOSNO’ / BIBLIOTECA COMUNALE/ NUR / BIBLIOTECA GRAMSCIANA ONLUS
Via Turati, 30 – 0783931504 - ,

GRAMSCI RAFFIGURATO

Non lasciarti sommergere dall’ambiente paesano e sardo: bisogna sempre essere superiori all’ambiente in cui si vive, senza perciò disprezzarlo o credersi superiori.
Antonio Gramsci


Opera di Simone Frau

MOSTRA D’ARTE SU ANTONIO GRAMSCI
COLLEZIONE BIBLIOTECA GRAMSCIANA

ARTISTI: Francesco Argiolu, Giuseppe Boy, Gianluigi Concas, Federico Coni, Luca Cossu, Daniele Fiorellino, Simone Frau, Simona Manias, Michele Marrocu, Michele Melis, Giuseppe Mereu, Gisella Mura, Aldo Paderi, Maurizio Podda, Piero Porcu, Marco Porta, Aldo Puddu, Alberto Putzolu, Linda Riefolo, Aldo Scintu, Marco Serra, Marco Sesuru, Sebastiano Trovato, Carlo Vettori.

Programma:
Gonnosnò – Ex sala Consiliare Via Matteotti

Venerdì 17.08.2007 - h. 18,00: Efisio Cadoni presenta Gramsci Raffigurato.
Venerdì 17.08.2007 - h. 18,00-21,00/22,00-24,30
Sabato 18.08.2007 - h. 18,00-21,00/22,00-24,30
Domenica 19.08.2007 - h. 18,00-21,00/22,00-24,30

Negli stessi giorni e allo stesso orario presso i locali di Via Turati sara’ aperta al pubblico la Mostra Permanente della civiltà contadina.

Accedi o registrati per inserire commenti.