Che libro leggi?

326 contenuti / 0 new
Ultimo messaggio
panda
Offline
Last seen: 9 anni 5 mesi fa
Iscritto: Gio, 11/10/2007 - 23:00
Che libro leggi?

ciao MariaLù..

Fare il critico non è il mio lavoro nè avrei le capacità per farlo però la storia è talmente ricca di vita e i personaggi così umani che mi è piaciuta tanto.. mi ha colpito l'umanità dei bembini.. in particolare di Ussein e del fratellastro (so che non si scrive cosi ma non so come però..) ussein nella sua posizione di "padrone" aveva un rapporto di amicizia vero col suo servo, nonostante tutto si volevano bene sinceramente .. i rapporti umani insomma sono veri.. tangibili.. mi è piaciuto questo..

maria luisa
Offline
Last seen: 10 anni 3 mesi fa
Iscritto: Lun, 28/05/2007 - 23:12
Che libro leggi?

panda ha scritto:
ciao MariaLù..

Fare il critico non è il mio lavoro nè avrei le capacità per farlo però la storia è talmente ricca di vita e i personaggi così umani che mi è piaciuta tanto.. mi ha colpito l'umanità dei bembini.. in particolare di Ussein e del fratellastro (so che non si scrive cosi ma non so come però..) ussein nella sua posizione di "padrone" aveva un rapporto di amicizia vero col suo servo, nonostante tutto si volevano bene sinceramente .. i rapporti umani insomma sono veri.. tangibili.. mi è piaciuto questo..

Ma non te l'ho chiesto mica per avere una critica letteraria.... :wink:
Credo che quando un libro, una canzone, un film, ci fanno emozionare in qualche modo vuol dire che hanno toccato qualcosa dentro di noi...
In su chi asa iscrittu asa nadu tottu Pandì....
Tu sottolinei la vita, la ricchezza di umanità della vicenda e dei personaggi...
Io aggiungo che viene fuori tantissimo anche la ricchezza di umanità, di usanze, di costumi, di colori, di suoni e di parole della cultura afghana, diametralmente opposta alle brutture dell'occupazione russa e dell'integralismo islamico del regime talebano ( in qs senso "mille splendidi soli" è ancora più crudo)....
A me quello che ha messo tristezza è che la vicenda ruota attorno allo stupro di un bambino, alla vigliaccheria e ai sensi di colpa del suo amichetto per non aver avuto il coraggio di difenderlo...
E Amir, il protagonista, si scrollerà di dosso i suoi sensi di colpa e la sua vigliaccheria solo da adulto, dopo aver subito una violentissima "surra" da parte di chi aveva stuprato il suo amichetto e dopo essere stato salvato dal figlio del suo amico, che a sua volta è stato ripetutamente violentato....
Per non parlare poi di quello che succede prima che Amir riesca a portarsi negli Stati uniti il bambino...Su pizzinnu chircada finas de si occhire ....
Direte voi...Cosa volevi leggere una favola a lieto fine?
Beh...anche quì il lieto fine si intravede....
Ma per arrivarci....
Quanta tristezza, quanta sofferenza....
Meccanismi letterari per fare marketing e soldini? Sarà....

Adm ti devo dare ragione....Adesso che ho un anno in più mi viene da pensare che che è proprio vero che più si cresce e più ci si disillude davanti alle cose.....

Saludos zente mì...
Buon fine settimana....
Non buffedas meda in sas cortes apertas... :wink:

Gigantessa
Offline
Last seen: 9 anni 11 mesi fa
Iscritto: Dom, 08/06/2008 - 18:29
Che libro leggi?

I Fiori del Male.. Boudelaire..

antonella
Offline
Last seen: 9 anni 11 mesi fa
Iscritto: Mer, 02/04/2008 - 12:00
Che libro leggi?

ciao gigantessa, ho letto che non sei silanese, nemmeno io... ma sei sarda?
spero il libro ti piaccia!

Gigantessa
Offline
Last seen: 9 anni 11 mesi fa
Iscritto: Dom, 08/06/2008 - 18:29
Che libro leggi?

antonella ha scritto:
ma sei sarda?

Ciao a te antonella.. il libro è una mia pietra miliare.. lo leggerei all'infinito.. tu l'hai letto? ti è piaciuto?
comunque sono sarda, e abbastanza fiera di esserlo salvo qualche rara eccezione... tu? :wink:

antonella
Offline
Last seen: 9 anni 11 mesi fa
Iscritto: Mer, 02/04/2008 - 12:00
Che libro leggi?

non ho letto quel libro in particolare, solo qualche poesia qui e là, lo trovo molto romantico ma per niente sdolcinato. insomma come la torta profiterol... dolce ma con le palle :D
io sono della provincia di sassari, qui sono ospite... mi hanno accolto in modo splendido...
sono proprio speciali questi conchidortos... :oops:

Gigantessa
Offline
Last seen: 9 anni 11 mesi fa
Iscritto: Dom, 08/06/2008 - 18:29
Che libro leggi?

Ti lascio la piacevole idea di poeta romantico e per far questo la cosa migliore è continuare a piluccare poesie qua e là.
per quanto riguarda i silanesi.. ne ho visto di tutti i tipi, ma per essere un piccolo paese, ha un'alta concentrazione di persone deliziose, e sopratutto, come d'altronde appare qua, attive :0)
SILANUS IS NOW! :P

Chellelle
Offline
Last seen: 10 anni 3 mesi fa
Iscritto: Mer, 13/02/2008 - 06:43
Che libro leggi?

antonella ha scritto:
non ho letto quel libro in particolare, solo qualche poesia qui e là, lo trovo molto romantico ma per niente sdolcinato. insomma come la torta profiterol... dolce ma con le palle :D
io sono della provincia di sassari, qui sono ospite... mi hanno accolto in modo splendido...
sono proprio speciali questi conchidortos... :oops:

I fiori del male di Baudelaire .... quando dovevo leggere i Malavoglia leggevo Baudelaire .... alla fine i Malavoglia me li sono persi (o quasi) di Baudelaire mi rimane il marchio, dentro.

Mi sembra di ricordare un libro di Charles che si intitolava "Il consumatore di Hashish" .... ricordo male?

Magari il titolo non è quello ma .... è bellissimo (anche per chi vuole dilettarsi nel conoscere come e quanto si sconvolgevano due secoli fa).

Chellelle.

Gigantessa
Offline
Last seen: 9 anni 11 mesi fa
Iscritto: Dom, 08/06/2008 - 18:29
Che libro leggi?

Ricordi bene, per precisione Poema dell'hashish.
Almeno si sconvolgevano con filosofia.E a quei tempi era una vera protesta!!
(Vedi Benedizione introduzione dello stesso libro i fiori del male)
Ciao :)

Chellelle
Offline
Last seen: 10 anni 3 mesi fa
Iscritto: Mer, 13/02/2008 - 06:43
Che libro leggi?

Gigantessa ha scritto:
Ricordi bene, per precisione Poema dell'hashish.
Almeno si sconvolgevano con filosofia.E a quei tempi era una vera protesta!!
(Vedi Benedizione introduzione dello stesso libro i fiori del male)
Ciao :)

Mi sono fatto certe canne fumando quel libro!!!!!!!!

Ahahahahahahahahahh :lol:

Chellelle.

Gigantessa
Offline
Last seen: 9 anni 11 mesi fa
Iscritto: Dom, 08/06/2008 - 18:29
Che libro leggi?

Penso sia abbastanza stimolante :D ma proprio durante la lettura?
Ma nello stesso libro l'autore si contraddice:
I PRO
" l'hashish non rivela all'individuo null'altro che l'individuo stesso. E' vero che questo individuo viene per così dire elevato al cubo e spinto all'estremo delle sue facoltà...Ecco dunque la felicità! sta in quanto può contenerne un cucchiaino! ... Potete inghiottire, senza paura; non si muore. I vostri organi fisici non ne riceveranno alcun danno. ...che cosa rischiate? domani, un po' di affaticamento nervoso"

I CONTRO
Il vino esalta la volontà, l'hashish è un'arma per il suicidio. Il vino rende buoni e socievoli. L'hashish isola... Il vino è fatto per il popolo che lavora e merita di berne. L'hashish appartiene alla classe dedita alle gioie solitarie; è fatto per miserabili e oziosi. Il vino è utile, produce risultati fruttuosi. L'hashish è inutile e pericoloso"
Si dice che questa sostanza non provochi alcun male fisico. E' vero... ma quella che viene intaccata è la volontà"
:?:

Chellelle
Offline
Last seen: 10 anni 3 mesi fa
Iscritto: Mer, 13/02/2008 - 06:43
Che libro leggi?

Gigantessa ha scritto:
Penso sia abbastanza stimolante :D ma proprio durante la lettura?
Ma nello stesso libro l'autore si contraddice:
I PRO
" l'hashish non rivela all'individuo null'altro che l'individuo stesso. E' vero che questo individuo viene per così dire elevato al cubo e spinto all'estremo delle sue facoltà...Ecco dunque la felicità! sta in quanto può contenerne un cucchiaino! ... Potete inghiottire, senza paura; non si muore. I vostri organi fisici non ne riceveranno alcun danno. ...che cosa rischiate? domani, un po' di affaticamento nervoso"

I CONTRO
Il vino esalta la volontà, l'hashish è un'arma per il suicidio. Il vino rende buoni e socievoli. L'hashish isola... Il vino è fatto per il popolo che lavora e merita di berne. L'hashish appartiene alla classe dedita alle gioie solitarie; è fatto per miserabili e oziosi. Il vino è utile, produce risultati fruttuosi. L'hashish è inutile e pericoloso"
Si dice che questa sostanza non provochi alcun male fisico. E' vero... ma quella che viene intaccata è la volontà"
:?:

Vabbe, era un periodo un pò particolare, sai l'università, gli ideali, i pensieri sull'essere, sul dover essere e sul saper essere .... a certe cose (dico a certi ragionamenti che sono meglio dello sballo) ci arrivi un pò dopo.

Comunque, in merito ai pro ed ai contro:

Pro: tutto quanto riportato è assolutamente vero ....
Contro: credo che ci sia qualcosa di vero .... dipende dall'io che viene fuori causa pro ....

Interpretazioni puramente personali. Ho visto qualcuno con solo pro, qualcuno con solo contro e in mezzo .... una massa di sconvoltoni!

Per il resto, tutti sorridevano in modo abbastanza stupido.

Chellelle

Dulcinea
Offline
Last seen: 9 anni 11 mesi fa
Iscritto: Mar, 22/04/2008 - 11:44
Che libro leggi?

[...]"E se, a prezzo della sua dignità, della sua onestà e del suo libero arbitrio l'uomo potesse trarre dall'hashish grandi benefici spirituali, farne una sorta di macchina per pensare, uno strumento fecondo? Ho sentito porre spesso questa domanda e rispondo. Innanzitutto, come ho spiegato a lungo l'hashish non rivela all'individuo null'altro che l'individuo stesso. E' vero che questo individuo viene per così dire elevato al cubo e spinto all'estremo delle sue facoltà..." [...]
A detta di Boudelaire non si può pensare che la droga ci elevi ad artisti perché la droga amplifica ciò che si è, non ci fa diventare ciò che non si è.
Insomma questo grande poeta ha inaugurato il pensiero moderno che condanna la droga per l'attività immaginativa che provoca.. allontanando l'uomo dalla vita reale.. per questo gli effetti dell'hascisch vengono da lui paragonati ad ombre cinesi o al teatro delle marionette.. L'hascisch, secondo lo scrittore, è un "perfetto strumento satanico" perchè nel consumatore si instaura la convinzione di essere uguale a un dio, gli dà l'impressone che il mondo intero sia una fonte inestinguibile di piacere..
Alla fine credo che inconsapevolmente prevalsero i contro..

Baci

Gigantessa
Offline
Last seen: 9 anni 11 mesi fa
Iscritto: Dom, 08/06/2008 - 18:29
Che libro leggi?

Ma insomma, nessuno sta più leggendo??
Dulcinea secondo dove ti trovi, ok sarà fatto!!
Ad ogni modo non vedo nessun contro, anche se bisogna passare da quelli per comprendere i pro..
uno dei pro è che a Charles il libro è uscito proprio bene, e vien un pò di nostalgia nel leggere il VERO anticonformismo e il vero stile,ma raffrontendo nell'epoca attuale individui manifestanti al 80%i CONTRO e resta solo un triste20%...
Un altro libro che consiglio è: 11 minuti, di >>>Coelho e dello stesso "Il manuale del guerriero della luce"
Ciao a tous :)

maria luisa
Offline
Last seen: 10 anni 3 mesi fa
Iscritto: Lun, 28/05/2007 - 23:12
Che libro leggi?

Discussione attizzante e interessante ragazze.... :wink:
Da "viaggio", dopo averne visto la panzè....
immaginarsi Chelles che si fa le canne mentre legge Baudelaireeeeeee... :wink:

Anche io come Antonellina ho letto qualcosa di straforo di Baudelaire...

Quote:
[...]"E se, a prezzo della sua dignità, della sua onestà e del suo libero arbitrio l'uomo potesse trarre dall'hashish grandi benefici spirituali, farne una sorta di macchina per pensare, uno strumento fecondo? Ho sentito porre spesso questa domanda e rispondo. Innanzitutto, come ho spiegato a lungo l'hashish non rivela all'individuo null'altro che l'individuo stesso. E' vero che questo individuo viene per così dire elevato al cubo e spinto all'estremo delle sue facoltà..." [...]

Si...la butta in filosofia Baudelaire Gigantì, ma in realtà lui era un cannato di prima categoria....Fidi fummadu tottu sorres mias...
Ergo, la domanda nasce spontanea....
Avrà scritto sotto effetti "fumogeni" o di spirito "divino"?

Spererei per la seconda ipotesi perchè comunque da che mondo e mondo,
IN VINO VERITAS.... :wink:

Se poi i suoi contenuti sono il frutto della sua angoscia viscerale....
Zente mì....Ahioooooooooooooooo..... :wink:

Per concludere il mio ragionamento frutto di canna alla caffeina....
Come la ettichettiamo quella di Baudelaire?
Filosofia dell'angoscia o del male di vivere?

Mi postate la benedizione-introduzione del suddetto libercolo?

Tanks....

Gigantessa
Offline
Last seen: 9 anni 11 mesi fa
Iscritto: Dom, 08/06/2008 - 18:29
Che libro leggi?

ENTRAMBE DIREI.
ECCOTI IL TESTO.

Allorché, per decreto delle potenze supreme, il Poeta
appare in questo mondo attediato, sua madre
impaurita e carica di maledizioni stringe i pugni
verso Dio che l'accoglie pietoso:

"Ah, perché non ho partorito un groviglio di vipere
piuttosto che nutrirmi in seno questa cosa
derisoria? Maledetta sia la notte d'effimeri piaceri in
cui il mio ventre ha concepito la mia espiazione!

Poi che m'hai scelta fra tutte le donne perché
divenissi disgustosa al mio triste marito, non
potendo rigettare nelle fiamme come un biglietto
amoroso questo mostro intristito,

farò ricadere il tuo odio che m'opprime sul maledetto
strumento della tua cattiveria e torcerò talmente
quest'albero miserabile che esso non potrà
innalzare i suoi germogli impestati".

Inghiotte così la schiuma del suo odio e, ignara degli
eterni disegni, prepara essa stessa in fondo alla
Geenna i roghi consacrati ai delitti materni.

Tuttavia, assistito da un Angelo invisibile, il figlio
ripudiato s'inebbria di sole, e in tutto quel che beve e
che mangia trova ambrosia e nettare vermiglio.

Gioca col vento, discorre con la nuvola, s'ubbriaca,
cantando, del Calvario; e lo Spirito che lo segue nel
suo pellegrinaggio, piange al vederlo gaio come
uccello di bosco.

Tutti coloro che egli vuole amare l'osservano
intimoriti o, rassicurati dalla sua tranquillità, fanno a
gara a chi gli caverà un sospiro, sperimentando su
di lui la propria ferocia.

Mescolano al pane e al vino destinati alla sua bocca
cenere e sputi impuri; con ipocrisia buttano quanto
egli tocca, s'incolpano d'aver posto il piede sulle sue
orme.

Sua moglie va gridando per le piazze: "Poi che mi
trova tanto bella da adorarmi, farò come gli idoli
antichi, come essi vorrò che egli m'indori, e m'indori
ancora;

m'ubbriacherò di nardo, di incenso e di mirra, di
genuflessioni, di carne e di vino, per sapere se
io possa, in un cuore che m'ammira, usurpare,
ridendo, gli omaggi destinati alla divinità.

E, stanca di queste farse empie, poserò su di lui la
mia forte e fragile mano; le mie unghie, come quelle
delle arpie, sapranno farsi strada sino in fondo al
suo cuore.

Simile ad un uccellino che palpita e che trema gli
strapperò il rosso cuore dal petto e lo butterò,
sprezzante, al mio animale favorito perché se ne
sazi".

Verso il cielo, ove il suo occhio mira uno splendido
trono, il Poeta sereno leva le pie braccia, e i grandi
lampi del suo spirito lucido gli precludono la vista
dei popoli inferociti:

"Sii benedetto, mio Dio, che concedi la sofferenza
come un rimedio divino alle nostre vergogne e come
l'essenza più pura ed efficace per preparare i forti
a sante voluttà.

So che tu tieni un posto al Poeta nelle file beate delle
tue Legioni, e che tu l'inviti all'eterna festa di Troni,
Virtù e Dominazioni.

So che il dolore è la sola nobiltà cui mai potranno
mordere e terra e inferno; e che per intrecciare la mia
mistica corona si dovranno tassare tutti i tempi e tutti
gli universi.

Ma i gioielli perduti dell'antica Palmira, i metalli ignoti,
le perle del mare, montati dalla tua mano, non
basterebbero al bel diadema, chiaro, abbagliante;

esso sarà pura luce attinta al focolare santo dei raggi
primigeni, di cui gli occhi mortali, al massimo del loro
splendore, non sono che specchi oscuri e lagrimosi".

cIAO CIAO

Chellelle
Offline
Last seen: 10 anni 3 mesi fa
Iscritto: Mer, 13/02/2008 - 06:43
Che libro leggi?

maria luisa ha scritto:
Discussione attizzante e interessante ragazze.... :wink:
Da "viaggio", dopo averne visto la panzè....
immaginarsi Chelles che si fa le canne mentre legge Baudelaireeeeeee... :wink:

Anche io come Antonellina ho letto qualcosa di straforo di Baudelaire...

Quote:
[...]"E se, a prezzo della sua dignità, della sua onestà e del suo libero arbitrio l'uomo potesse trarre dall'hashish grandi benefici spirituali, farne una sorta di macchina per pensare, uno strumento fecondo? Ho sentito porre spesso questa domanda e rispondo. Innanzitutto, come ho spiegato a lungo l'hashish non rivela all'individuo null'altro che l'individuo stesso. E' vero che questo individuo viene per così dire elevato al cubo e spinto all'estremo delle sue facoltà..." [...]

Si...la butta in filosofia Baudelaire Gigantì, ma in realtà lui era un cannato di prima categoria....Fidi fummadu tottu sorres mias...
Ergo, la domanda nasce spontanea....
Avrà scritto sotto effetti "fumogeni" o di spirito "divino"?

Spererei per la seconda ipotesi perchè comunque da che mondo e mondo,
IN VINO VERITAS.... :wink:

Se poi i suoi contenuti sono il frutto della sua angoscia viscerale....
Zente mì....Ahioooooooooooooooo..... :wink:

Per concludere il mio ragionamento frutto di canna alla caffeina....
Come la ettichettiamo quella di Baudelaire?
Filosofia dell'angoscia o del male di vivere?

Mi postate la benedizione-introduzione del suddetto libercolo?

Tanks....

Cara Maria Luisa,

siamo stati ragazzi tutti .... però:

1. la dose letale di cannabinoidi è pari kg 36 (pari a 72.000 spinelli) .... se riesci a fumarteli te li pago io ...... ma credo che avresti dei problemi .... te lo ripeto: 72.000 ......
2. la dipendenza da cannabinoidi si manifesta nei cosiddetti users: per essere considerati tali occorre fumare almeno 30 canne al giorno ..... che direi sono tantine ....
3. il nostro Prof. Gessa, dell'Università degli Studi di Sassari, ha approfondito molto gli studi sulla tossicologia dei cannabinoidi, a suo tempo ho passato un pò del mio a documentarmi .....
4. un'associazione americana ha stanziato una ricompensa di 10 milioni di dollari per chi dimostra che i cannabinoidi sono nocivi e provocano dipendenza ..... se riuscite a dimostrarlo i soldi sono vostri ... dal 1994 nessuno si è presentato all'incasso ......

Su Baudelaire credo che scrivesse sotto effetto stono e non sotto effetto cottura, anche perchè il primo facilita la parlantina, il secondo la ingolfa.

Credo solo che fosse uno dei tanti geni della letteratura che abbiamo avuto la fortuna di avere nella storia dell'uomo. Si, comunque, anche io credo fosse semplicemente consapevole di quello che comporta vivere.

Chellelle.

PS il discorso può farsi interessante .....

panda
Offline
Last seen: 9 anni 5 mesi fa
Iscritto: Gio, 11/10/2007 - 23:00
Che libro leggi?

Chellelle ha scritto:

Cara Maria Luisa,

siamo stati ragazzi tutti .... però:

1. la dose letale di cannabinoidi è pari kg 36 (pari a 72.000 spinelli) .... se riesci a fumarteli te li pago io ...... ma credo che avresti dei problemi .... te lo ripeto: 72.000 ......
2. la dipendenza da cannabinoidi si manifesta nei cosiddetti users: per essere considerati tali occorre fumare almeno 30 canne al giorno ..... che direi sono tantine ....
3. il nostro Prof. Gessa, dell'Università degli Studi di Sassari, ha approfondito molto gli studi sulla tossicologia dei cannabinoidi, a suo tempo ho passato un pò del mio a documentarmi .....
4. un'associazione americana ha stanziato una ricompensa di 10 milioni di dollari per chi dimostra che i cannabinoidi sono nocivi e provocano dipendenza ..... se riuscite a dimostrarlo i soldi sono vostri ... dal 1994 nessuno si è presentato all'incasso ......

Su Baudelaire credo che scrivesse sotto effetto stono e non sotto effetto cottura, anche perchè il primo facilita la parlantina, il secondo la ingolfa.

Credo solo che fosse uno dei tanti geni della letteratura che abbiamo avuto la fortuna di avere nella storia dell'uomo. Si, comunque, anche io credo fosse semplicemente consapevole di quello che comporta vivere.

Chellelle.

PS il discorso può farsi interessante .....

Ciao.. scusate l'intrusione..

Chellè ho sottolineato una frase che mi sembra un pò una sparata..
Ma gosa gazzu sei dizendu? (Senza astio mì chellè.. anzi con simpatia te lo dico.. :) )
mi che fanno male!! è fumo! perchè vuoi far credere che sia innocuo! non è vero! è gas residuo di una combustione che si attacca ai polmoni.. mica un toccasana per il rafreddore!!
sulla dipendenza poi esistono milioni di studi e si dividono tra colpevolisti ed innocentisti della canna, alcuni dicono 30 alcuni 5..quindi non vendere mezze verità come dati scientifici..

Chiusa parentesi vi lascio alle vostre considerazioni letterali.. ciao ciao

Arammigu
Offline
Last seen: 9 anni 11 mesi fa
Iscritto: Ven, 13/07/2007 - 19:26
Che libro leggi?

panda ha scritto:
Chellelle ha scritto:

Cara Maria Luisa,

siamo stati ragazzi tutti .... però:

1. la dose letale di cannabinoidi è pari kg 36 (pari a 72.000 spinelli) .... se riesci a fumarteli te li pago io ...... ma credo che avresti dei problemi .... te lo ripeto: 72.000 ......
2. la dipendenza da cannabinoidi si manifesta nei cosiddetti users: per essere considerati tali occorre fumare almeno 30 canne al giorno ..... che direi sono tantine ....
3. il nostro Prof. Gessa, dell'Università degli Studi di Sassari, ha approfondito molto gli studi sulla tossicologia dei cannabinoidi, a suo tempo ho passato un pò del mio a documentarmi .....
4. un'associazione americana ha stanziato una ricompensa di 10 milioni di dollari per chi dimostra che i cannabinoidi sono nocivi e provocano dipendenza ..... se riuscite a dimostrarlo i soldi sono vostri ... dal 1994 nessuno si è presentato all'incasso ......

Su Baudelaire credo che scrivesse sotto effetto stono e non sotto effetto cottura, anche perchè il primo facilita la parlantina, il secondo la ingolfa.

Credo solo che fosse uno dei tanti geni della letteratura che abbiamo avuto la fortuna di avere nella storia dell'uomo. Si, comunque, anche io credo fosse semplicemente consapevole di quello che comporta vivere.

Chellelle.

PS il discorso può farsi interessante .....

Ciao.. scusate l'intrusione..

Chellè ho sottolineato una frase che mi sembra un pò una sparata..
Ma gosa gazzu sei dizendu? (Senza astio mì chellè.. anzi con simpatia te lo dico.. :) )
mi che fanno male!! è fumo! perchè vuoi far credere che sia innocuo! non è vero! è gas residuo di una combustione che si attacca ai polmoni.. mica un toccasana per il rafreddore!!
sulla dipendenza poi esistono milioni di studi e si dividono tra colpevolisti ed innocentisti della canna, alcuni dicono 30 alcuni 5..quindi non vendere mezze verità come dati scientifici..

Chiusa parentesi vi lascio alle vostre considerazioni letterali.. ciao ciao

...penso che si intendesse il principio attivo....fumarla,è solo una delle possibili forme di assunzione! 8)

Dulcinea
Offline
Last seen: 9 anni 11 mesi fa
Iscritto: Mar, 22/04/2008 - 11:44
Che libro leggi?

"Io lo comparo ad un suicidio, un suicidio lento"
Questa è una delle definizioni date all'hascisch..
Credo che Baudelaire non faccia una "questione di sostanze" ma di uso delle sostanze.
E' proprio contro l’uso dissennato di quest' ultime che se la prende l'autore, non con la sostanza in sé.
A parlare è un uomo profondamente attaccato alla vita, dotato di un animo aperto e straziato, che non ha potuto (o voluto) sottrarsi alla certezza di essere un escluso, un disadattato, un poeta maledetto.

Per quanto riguarda gli effetti del fumo credo che sia "solo" una questione di dipendenza.. in parole povere se ti fai la canna quotidianamente, ovvero piü al giorno...
sei dipendente..
di conseguenza stai male..
perchè il fumo fa male..
è un dato di fatto,a prescindere dagli studi scientifici o dai sondaggi..

A chi è capitato di conoscere qualcuno canna-dipendente?
a me si..
io ho un amico che da quando ha iniziato è diventatato "scimmiato"
un'altra persona..
Credo che dal momento che si inizia ad abusare di qualcosa si arriv sempre a danneggiare la propria persona..
se si fumano troppe sigarette si reca danno ai polmoni, se si beve troppo al fegato,
se si prende troppo sole fa male alla pelle (questa potevo risparmiarmela)..

ovviamente vi parla una persona che non ha mai provato l'ebbreza di farsi una canna ma che spesso e volentieri quando va al mare si brucia le spalle..

baci.. :?

Chellelle
Offline
Last seen: 10 anni 3 mesi fa
Iscritto: Mer, 13/02/2008 - 06:43
Che libro leggi?

panda ha scritto:
Chellelle ha scritto:

Cara Maria Luisa,

siamo stati ragazzi tutti .... però:

1. la dose letale di cannabinoidi è pari kg 36 (pari a 72.000 spinelli) .... se riesci a fumarteli te li pago io ...... ma credo che avresti dei problemi .... te lo ripeto: 72.000 ......
2. la dipendenza da cannabinoidi si manifesta nei cosiddetti users: per essere considerati tali occorre fumare almeno 30 canne al giorno ..... che direi sono tantine ....
3. il nostro Prof. Gessa, dell'Università degli Studi di Sassari, ha approfondito molto gli studi sulla tossicologia dei cannabinoidi, a suo tempo ho passato un pò del mio a documentarmi .....
4. un'associazione americana ha stanziato una ricompensa di 10 milioni di dollari per chi dimostra che i cannabinoidi sono nocivi e provocano dipendenza ..... se riuscite a dimostrarlo i soldi sono vostri ... dal 1994 nessuno si è presentato all'incasso ......

Su Baudelaire credo che scrivesse sotto effetto stono e non sotto effetto cottura, anche perchè il primo facilita la parlantina, il secondo la ingolfa.

Credo solo che fosse uno dei tanti geni della letteratura che abbiamo avuto la fortuna di avere nella storia dell'uomo. Si, comunque, anche io credo fosse semplicemente consapevole di quello che comporta vivere.

Chellelle.

PS il discorso può farsi interessante .....

Ciao.. scusate l'intrusione..

Chellè ho sottolineato una frase che mi sembra un pò una sparata..
Ma gosa gazzu sei dizendu? (Senza astio mì chellè.. anzi con simpatia te lo dico.. :) )
mi che fanno male!! è fumo! perchè vuoi far credere che sia innocuo! non è vero! è gas residuo di una combustione che si attacca ai polmoni.. mica un toccasana per il rafreddore!!
sulla dipendenza poi esistono milioni di studi e si dividono tra colpevolisti ed innocentisti della canna, alcuni dicono 30 alcuni 5..quindi non vendere mezze verità come dati scientifici..

Chiusa parentesi vi lascio alle vostre considerazioni letterali.. ciao ciao

Caro Panda,

io non vendo verità scientifiche. La dose letale non la consideri, il che significa che sai che è quella o che non puoi ribatterci. Sulla definizione di user mi rifaccio a quello che ho letto e non sono cose tratte dal Giornalino dei piccoli. Credo che sarebbe per te interessante provare a vedere se trovi quello che ne dice il Prof. Gessa.

Capisco le tue opinioni, certo è un residuo di combustione come quello del tabacco che invece è alimentato dallo Stato (taglio corto perchè non ho voglia di fare polemiche).

Se avessi tutto questo zelo per tabacco, alcool e farmaci e ottenessi gli stessi risultati sarei veramente felice.

Una cosa mi ha fatto sorridere: è gas residuo di una combustione che si attacca ai polmoni.

Se mi fumo una canna ogni tanto, al limite vivo meglio. Di certo non mi metto a correre in campagna ad inseguire le streghe.

Le mie sono sempre opinioni personali. Il Prof lo faccio fare a Gessa in questa materia, ai tanti che ne hanno parlato e anche a certi popoli che, secondo il tuo dire, sono praticamente moribondi a causa di tali residui di combustione.

Caro panda, tranquillo che gli unici rischi che corri a Silanus per i residui di combustion e vengono da Ottana non dai cannoni che ti fumi ....

Non esistono milioni di studi, ricorda sempre che si scrive molto ma non sempre a ragion veduta. Ho espresso un'opinione rispetto ad un libro e ad una sostanza.

Non ti inalberare, non è il caso. Puoi avere le tue, io le mie mie. "Cosa gazzu sei dizzendi" non è una cosa in cui ho riconosciuto il tuo stile. Ti confermo comunque che quello che sopra ho scritto è quello che penso, io so come selezionare gli studi di medicina e le fonti che devo consultare.

Poi, tranquillo. La diffusione del fenomeno è semplicemente spaventosa e .... li hai visti preoccupati?

:twisted:

Have a nice evening ...

Chellelle

Chellelle
Offline
Last seen: 10 anni 3 mesi fa
Iscritto: Mer, 13/02/2008 - 06:43
Che libro leggi?

Ah, scusa ... la taglia esiste davvero .... provvedo a riportarti i riferimenti ..... lasciami il tempo di cercare che ora non ho ....

panda
Offline
Last seen: 9 anni 5 mesi fa
Iscritto: Gio, 11/10/2007 - 23:00
Che libro leggi?

Ciao!
sei tornato l'agguerritissimo chellelle che avevo visto tempo fa! :D mi che scherzavo non prendertela per così poco.. la citazione sassarese speravo ti facesse sntire a casa ma forse sono stato troppo sgarbato.. scusami se ti ho offeso..

per il resto non voglio più entrare nel merito della vicenda visto che non giudico chi si fa le canne e non ho competenze tecniche per affrontare un discorso di cui in verità mi frega poco..
solamente volevo che non passasse un messaggio sbagliato visto che nel sito entra anche chi legge il giornaletto dei piccoli.. e sai se mio fratellino mi dovesse dire che ha voluto provare le canne perchè ha letto il post di chellelle e che tanto non gli fa nulla mi inalbererei x davvero!

A parte questo mi sorge un dubbio.. ma il fumo è un gas o cosa?

maria luisa
Offline
Last seen: 10 anni 3 mesi fa
Iscritto: Lun, 28/05/2007 - 23:12
Che libro leggi?

Ragazzi che fumeriaaaaaaaaa.... :wink:
Chelles,,,, Ti perdono le cannette perchè il tuo cervello non ne ha risentito minimamente...Non mi dire che ti canni adesso però se no ritiro tutti i complimenti.... :wink:

Ragazze, per la precisione Dulci e la gentilissima Gigans che mi ha subito fornito di testo....
Baudelaire mi sembra un personaggio afflitto dal "male di vivere"....
Elabora una concezione della vita a partire dal male di vivere...
ma se questa sensazione ed espressione del "male di vivere"
è poi alterata dal fumo o dall'alcol...
mi domando e dico...
Quid est veritas?....

Notte... :wink:

Chellelle
Offline
Last seen: 10 anni 3 mesi fa
Iscritto: Mer, 13/02/2008 - 06:43
Che libro leggi?

panda ha scritto:
Ciao!
sei tornato l'agguerritissimo chellelle che avevo visto tempo fa! :D mi che scherzavo non prendertela per così poco.. la citazione sassarese speravo ti facesse sntire a casa ma forse sono stato troppo sgarbato.. scusami se ti ho offeso..

per il resto non voglio più entrare nel merito della vicenda visto che non giudico chi si fa le canne e non ho competenze tecniche per affrontare un discorso di cui in verità mi frega poco..
solamente volevo che non passasse un messaggio sbagliato visto che nel sito entra anche chi legge il giornaletto dei piccoli.. e sai se mio fratellino mi dovesse dire che ha voluto provare le canne perchè ha letto il post di chellelle e che tanto non gli fa nulla mi inalbererei x davvero!

A parte questo mi sorge un dubbio.. ma il fumo è un gas o cosa?

Caro Panda,

non mi son offeso ne cambio opinione su di te. Su tuo fratellino, quello ideale che citi qui, penso che sia intelligente come te e che legga tutto il 3D e non il singolo post.

Ho detto chiaro e tondo, seguendo il messaggio di altri, che esistono pro e contro. Lungi da me incitare al consumo di una sostanza che ha effetti stupefacenti.

Ho detto di me, considera che qualcuno che mi conosce per nome e cognome qui c'è eccome .... penso che proseguire non sia necessario.

Spesso però, caro Panda, quando si parla di cannabinoidi il discorso non è basato sulla sostanza e sui suoi effetti ma sui discorsi che faceva nei primi del '900 un signore americano (era uno del congresso se non sbaglio .....).

La demonizzazione, come sai, è fenomeno stupido specie quando esistono mille modi per verificare che tanto accanimento è dedicato a quella sostanza (della quale, ribadisco, gli effetti totalmente negativi, come per la cocaina e per l'eroina, sono tutt'altro che dimostrati).

Una canna è l'unione di una sigaretta (devo dire che qualcuno non mette nemmeno quella) e della sostanza. L'effetto cancerogeno della sostanza è irrilevante rispetto all'effetto del tabacco (regolarmente in commercio con prelievo di parte degli introiti da parte dello Stato).

Poi .... medici che prescrivono l'uso di cannabinoidi (malati oncologici) ne esistono. I loro pazienti, almeno sino a qualche tempo fa, potevano addirittura piantarsela in casa senza dover temere conseguenze penali (e ci mancherebbe).

Vuoi sentirmi dire: non fumate? Credo che sia più corretto che io dica: siate uomini/donne, cosa fare e non fare lo deciderete voi. Io, che sono io e non la media di tutti gli io che esistono, sono ancora vivo (il mio problema a dir la verità è che fumo sigarette, che corro in macchina, che lavoro troppo ....), ho studiato quando dovevo studiare, ho cercato un lavoro, ho vissuto 10 anni in giro per l'Italia, ho imparato, sono cresciuto ..... una vita normale, certo la sera alle volte capita che piuttosto che bere una birra ..... qualcuno mi fa fare due tiri di canna .... l'indomani alle 8, come sempre, sono davanti alla porta del cliente come ogni giorno .....

Questa è la mia esperienza di vita, non da user (30 al giorno, ma anche dieci al giorno ma anche 5 giorno sono sbagliati, e anche meno provocano dipendenza ..... difficile che qualcuno riuscirà a spingersi a tanto ma giusto sottolinearlo) ma da semplice consumatore accidentale quando capita.

Abbracci

Chellelle

PS Panda, il riferimento alla frase sassarese che ho posto era davvero dovuto al fatto che non riconoscevo il tuo stile. Comunque, per farmi sentire a casa preferisco Semmu di Sassari e semmu li più forthi .... cosa gazzu sei dizzendi, girandola da qualsiasi parte non è esattamente piacevole ..... ma va bene comunque.

PPS MaryLou, se sono tra amici, con la chitarra e ci vien voglia di cantare .... comunque, io ad Amsterdam non sono mai :twisted: stato ...... :twisted:

Chellelle
Offline
Last seen: 10 anni 3 mesi fa
Iscritto: Mer, 13/02/2008 - 06:43
Che libro leggi?

In merito a cos'è il fumo:

I cannabinoidi si estraggono o si trovano nelle inflorescenze femminili della canapa indiana.

Le forme che assumono per il consumo sono:

Marjiuana: i fiori delle piante femminili;
Hashish o Kashish: trasformazione in polvere e successiva aggregazione in "panetti";
Marmellata: quella di Baudelaire;
Olio: quello di Bullone (lo spacciatore che a Sassari faceva girare l'olio).

Banalizzo ..... dal primo all'ultimo il contenuto di sostanza attiva (THC) si incrementa dal 4% medio a circa il 32% ....

Ah, già che ci sono una citazione: l'orgine della parola ASSASSINO da cosa deriva?

HASHISHIN ... per chi conosce la storia delle crociate avrà sentito parlare del popolo degli Assassini e del Vecchio della Montagna ..... assassino deriva da hashishin, cioè da consumatore di hashish .... il resto della storia magari più avanti .... ora devo andare a lavorare.

Chellelle.

PS su internet esiste un documentario: L'erba proibita ...... basta scaricarlo .....

maria luisa
Offline
Last seen: 10 anni 3 mesi fa
Iscritto: Lun, 28/05/2007 - 23:12
Che libro leggi?

Gigantessa ha scritto:
ENTRAMBE DIREI.
ECCOTI IL TESTO.

Allorché, per decreto delle potenze supreme, il Poeta
appare in questo mondo attediato, sua madre
impaurita e carica di maledizioni stringe i pugni
verso Dio che l'accoglie pietoso:

"Ah, perché non ho partorito un groviglio di vipere
piuttosto che nutrirmi in seno questa cosa
derisoria? Maledetta sia la notte d'effimeri piaceri in
cui il mio ventre ha concepito la mia espiazione!

Poi che m'hai scelta fra tutte le donne perché
divenissi disgustosa al mio triste marito, non
potendo rigettare nelle fiamme come un biglietto
amoroso questo mostro intristito,

farò ricadere il tuo odio che m'opprime sul maledetto
strumento della tua cattiveria e torcerò talmente
quest'albero miserabile che esso non potrà
innalzare i suoi germogli impestati".

Inghiotte così la schiuma del suo odio e, ignara degli
eterni disegni, prepara essa stessa in fondo alla
Geenna i roghi consacrati ai delitti materni.

Tuttavia, assistito da un Angelo invisibile, il figlio
ripudiato s'inebbria di sole, e in tutto quel che beve e
che mangia trova ambrosia e nettare vermiglio.

Gioca col vento, discorre con la nuvola, s'ubbriaca,
cantando, del Calvario; e lo Spirito che lo segue nel
suo pellegrinaggio, piange al vederlo gaio come
uccello di bosco.

Tutti coloro che egli vuole amare l'osservano
intimoriti o, rassicurati dalla sua tranquillità, fanno a
gara a chi gli caverà un sospiro, sperimentando su
di lui la propria ferocia.

Mescolano al pane e al vino destinati alla sua bocca
cenere e sputi impuri; con ipocrisia buttano quanto
egli tocca, s'incolpano d'aver posto il piede sulle sue
orme.

Sua moglie va gridando per le piazze: "Poi che mi
trova tanto bella da adorarmi, farò come gli idoli
antichi, come essi vorrò che egli m'indori, e m'indori
ancora;

m'ubbriacherò di nardo, di incenso e di mirra, di
genuflessioni, di carne e di vino, per sapere se
io possa, in un cuore che m'ammira, usurpare,
ridendo, gli omaggi destinati alla divinità.

E, stanca di queste farse empie, poserò su di lui la
mia forte e fragile mano; le mie unghie, come quelle
delle arpie, sapranno farsi strada sino in fondo al
suo cuore.

Simile ad un uccellino che palpita e che trema gli
strapperò il rosso cuore dal petto e lo butterò,
sprezzante, al mio animale favorito perché se ne
sazi".

Verso il cielo, ove il suo occhio mira uno splendido
trono, il Poeta sereno leva le pie braccia, e i grandi
lampi del suo spirito lucido gli precludono la vista
dei popoli inferociti:

"Sii benedetto, mio Dio, che concedi la sofferenza
come un rimedio divino alle nostre vergogne e come
l'essenza più pura ed efficace per preparare i forti
a sante voluttà.

So che tu tieni un posto al Poeta nelle file beate delle
tue Legioni, e che tu l'inviti all'eterna festa di Troni,
Virtù e Dominazioni.

So che il dolore è la sola nobiltà cui mai potranno
mordere e terra e inferno; e che per intrecciare la mia
mistica corona si dovranno tassare tutti i tempi e tutti
gli universi.

Ma i gioielli perduti dell'antica Palmira, i metalli ignoti,
le perle del mare, montati dalla tua mano, non
basterebbero al bel diadema, chiaro, abbagliante;

esso sarà pura luce attinta al focolare santo dei raggi
primigeni, di cui gli occhi mortali, al massimo del loro
splendore, non sono che specchi oscuri e lagrimosi".

cIAO CIAO

Carissima Gigans :wink:
premesso che non ho una grossa conoscenza di Baudelaire,
ma che comunque mi incuriosiscono piacevolmente tutti coloro che
in prosa o in versi propongono una propria visione della vita
mi permetto di scrivere due o tre impressioni sul testo:

* I pensonaggi femminili della lirica, moglie e madre del Poeta,
mi sembrano due "muse"...."depravate" dall'angoscia e dall'orrore che hanno di lui....Transfert di esperienze sue?

* Lui godereccio sembra ergersi al di sopra dell'orrore che gli trasmettono le sue muse..crogiolandosi nella sua..."orripilante angoscia"?

* L'invocazione finale a Dio che sollazza l'uomo esclusivamente con Dolore e sofferenza la trovo molto discutibile ma forse quì c'è l'uomo senza effetti fumogeni....

In diverse metafore della lirica colgo allusioni bibliche....
Impressione mia o è vero? Cosa sono i gioielli perduti dell'antica Palmira?

Chellelle
Offline
Last seen: 10 anni 3 mesi fa
Iscritto: Mer, 13/02/2008 - 06:43
Che libro leggi?

"Cabbala e occultismo nell'era elisabettiana" di Frances Yates.

Come mangiare la peperonata a colazione, vero .... ma era tanto tempo che non lo riprendevo quindi .... mi ci butto.

Chellelle.

astaroste
Offline
Last seen: 3 anni 9 mesi fa
Iscritto: Gio, 08/02/2007 - 21:42
Che libro leggi?

Infoguida Sardegnavieincomune 2008, nelle cartine presenti in questa guida manca il nostro comune, come in altra parte ricordato (Informazione e giornalismo) però in compenso nella copertina è presente il Nuraghe di Santa Sarbana e in quinta pagina il costume silanese
a parte queste notizie dopo circa quindici anni ho ripreso G. Deledda con Marianna Sirca, non cambio parere, poco mi aveva entusiasmato allora e poco oggi..............

syd76rm
Offline
Last seen: 4 anni 4 mesi fa
Iscritto: Mer, 13/02/2008 - 01:24
Che libro leggi?

Stamattina ho comprato "viaggio in sardegna" di michela murgia.
A occhio e croce sembra interessante....

http://michelamurgia.altervista.org/content/view/5/6/

Pagine

Accedi o registrati per inserire commenti.