Querelle Sardegna Democratica - Sardegna24

1 contenuto / 0 new
DrpAdmSite
Offline
Last seen: 3 mesi 3 settimane fa
Iscritto: Mar, 18/10/2005 - 16:16
Querelle Sardegna Democratica - Sardegna24

Com'è ormai noto a tutti chiude Sardegna24 e non è una buona notizia.

La chiusura del giornale ha portato però anche una conseguenza "drammatica" all'interno di Sardegna Democratica l'associazione costituita da Renato Soru e dai suoi sodali, tra i quali Massimo Dadea.

Dopo la chiusura del giornale, Massimo Dadea che nel frattempo è diventato presidente di quella associazione scrive un durissimo articolo accusando, senza citarlo, Renato Soru di aver usato Sardegna24 per la sua visibilità personale, salvo abbandonarlo economicamente quando non allineato ai suoi voleri.

Senza entrare nel merito dei veri motivi della chiusura del giornale, che probabilmente non conosceremo mai, la conseguenza è stata appunto la dimissione di Dadea da presidente, udite-udite, perché l'oscuro redattore del sito della sua associazione si sarebbe riufiutato di pubblicare il j'accuse contro Soru.

Massimo Dadea ha scritto:
(...)

La vicenda di Sardegna 24 dimostra una volta di più la spregiudicatezza e l’inaffidabilità di certi imprenditori improvvisatisi editori che utilizzano i giornali come una sorta di autobus, dove salire, fare un breve viaggio, promuovere la propria immagine, soddisfare magari le loro velleità politiche, e poi scendere. Dimenticandosi che i giornali sono fatti da uomini e donne, della loro professionalità e della loro competenza, delle loro aspirazioni e ambizioni, della loro quotidianità, del loro lavoro e del loro sacrificio. Da domani si farà ancor più grave l’emergenza informazione che vive la Sardegna.

La concentrazione in un unico editore di una parte importante dei mezzi di comunicazione, la commistione tra interessi affaristici, politica e informazione, un giornalismo che ha perso il gusto per l’inchiesta fatta sul campo, renderanno ancora più acuto il problema della completezza e del pluralismo dell’informazione nella nostra isola.(...)

Interviene anche Giovanni Maria Bellu, direttore di Sardegna24, che senza entrare nella polemica, ne apre un altra, se possibile ancora più inquietante, facendo balenare il dubbio che il crash contemporaneo del sito del giornale, ospitato da Tiscali, non sia stato del tutto casuale. Tanto da essere obbligati a cambiare provvider.

Giovanni Maria Bellu ha scritto:
(...)

Sono comunque felice che l'intervento di Massimo Dadea alla fine sia stato pubblicato. L'avremmo pubblicato anche noi fin dalla sera di domenica scorsa se, improvvisamente, il nostro sito non si fosse “spento”. Così, morte istantanea. Il gestore – la compagnia Tiscali spa – l'ha ripristinato, dopo reiterate richieste, venerdì. Siamo in attesa di chiarimenti su questo malaugurato e lunghissimo “incidente tecnico”. Intanto il sito è uscito dalla nostra disponibilità. I contenuti attualmente visibili sono quelli del penultimo numero, non quelli dell'ultimo. Noi l'intervento del vostro presidente non l'abbiamo ancora potuto pubblicare. Stiamo costruendo un nuovo sito. Ci vorrà qualche tempo.(...)

Dei malfunzionamenti di Tiscali abbiamo avuto, ahinoi tristi esperienze in passato, non voglio davvero credere che lo spegnimento dei server politicamente o intellettualmente "ostili" possa essere nella facoltà del proprietario di Tiscali poiché sarebbe di una gravità inaudita.

In effetti un sito "down" per cinque lunghi giorni alimenterebbe più di un sospetto!

Tuttavia è per me obbligatorio registrare questa notizia, se non altro perché anche conchidortos.org è ospitato sui servers di Tiscali.

--

PS.

Il direttore della divisione business di Tiscali Italia S.p.a. precisa che il server è stato spento perché girava a scrocco da ben sette mesi, chi ne capisce qualcosa è bravo!

Michele Lavizzari ha scritto:
Sono il direttore della divisione business di Tiscali Italia S.p.a. e vorrei chiarire che il sito di Sardegna 24 é stato spento per motivi amministrativi. Devo purtroppo segnalare infatti che Tiscali stava erogando i servizi di portale da 7 mesi in modalitá forzatamente gratuita, vista l'impossibilitá di ottenerne la contrattualizzazione da parte di Sardegna 24. Solo dietro richiesta del nostro amministratore unico abbiamo provveduto a riattivarlo.