Emergenza Manifesto

10 contenuti / 0 new
Ultimo messaggio
DrpAdmSite
Offline
Last seen: 2 settimane 6 giorni fa
Iscritto: Mar, 18/10/2005 - 16:16
Emergenza Manifesto

IL MANIFESTO rischia di chiudere perchè ha finito i soldi. Lo considero da sempre un ottimo giornale, sicuramente il più libero e indipendente dai centri di potere palesi ed occulti. Chi vuole può contribuire, in ogni caso leggerlo qualche volta può far bene.

Adriano Celentano ha scritto:

IL MANIFESTO È ROCK
«Quattro ore di fila per ritirare una pensione di 12mila e ottocento lire ...», diceva Memmo Dittongo a Gino Santercole nel film «Yuppy du»: «neanche un vestito salta fuori»... meno male che non ho famiglia con tanti disgraziati... se non c'era Felice che mi prestava il suo... «Felice ero io... Era il 1970 quando scrissi il dialogo della scena in cui i due amici impersonavano due poveracci che sognavano di essere due operai specializzati. Un lusso che per il fatto di essere irraggiungibile li faceva sentire diversi... in un certo senso emarginati, radiati dalla società: «se tu eri un operaio» diceva Santercole, «ce l'avevi un bel vestito, doppio petto...». Ma questa era solo una finzione cinematografica, mentre fuori invece, fuori dal cinema, nella realtà di quegli stessi anni o giù di lì, un gruppo di intellettuali di sinistra capeggiati da quelli che tutt'ora sono considerati i grandi vecchi del manifesto, venivano radiati dal partito per aver espresso delle forti critiche alla linea comunista di allora. Un atto clamoroso, se si pensa che tutto questo avveniva quando ancor a l'Unione sovietica era molto potente. Un dissenso che per la Russia di allora voleva dire scandalo, pericolo, sgretolamento. Ma i grandi vecchi non si diedero per vinti e per tutta risposta, assieme ad altri, fondarono il manifesto. Parliamo di Rossana Rossanda, Valentino Parlato e Luigi Pintor, che Berlinguer considerava il più grande giornalista italiano; forse perchè tutti e due erano sardi... Inizia così, quindi, la straordinaria avventura dell'unico giornale senza padrone ossia, senza azionisti di maggioranza, con un'indipendenza assoluta e uno spirito di gruppo che non ha precedenti nella storia dell'editoria, non solo italiana, ma credo mondiale. La differenza fra il manifesto e le grandi testate tipo il Corriere della Sera, Repubblica, Il Messaggero, La Stampa e altri, sta nel fatto che i direttori di questi ultimi, anche se stimati e molto apprezzati per la libertà con la quale dirigono il giornale, hanno pur sempre alle loro spalle degli azionisti di maggioranza che, come una spada di Damocle, pende sulle teste dei validi Giulio Anselmi, Ezio Mauro, Paolo Mieli, ecc. Una differenza che apparentemente sembra minima, ma che nasconde invece la tragica possibilità, che improvvisamente gli azionisti di maggioranza si riuniscano per sbattere fuori Paolo Mieli in quanto non più in linea con l'oscuro pensiero da cui essi stessi dipendono: il business... il Capo supremo per eccellenza a cui non si può e non si deve disobbedire. Un capo naturalmente diverso da quello che ha il manifesto a cui invece si obbedisce in base a una credenza, un'ideologia, sia liberale, marxista o cattolica non importa, purché in ognuna prevalga l'onestà intellettuale di chi la professa e, nel manifesto, naturalmente non lo posso dire con certezza, ma da alcuni segni che traspaiono dalla storia di questo giornale, tutto fa pensare che questa onestà ci sia veramente. Per esempio lo si può intuire dal fatto che lì tutti, sia giornalisti che tecnici, guadagnano tutti uguali e, soprattutto poco... un nobile sacrificio che tuttavia pare non bastare a sorreggere la vita di questo singolare quotidiano che proprio in queste ore, rischia di chiudere per mancanza di mezzi. A oggi la sua vendita in edicola è di sole 30mila copie, con un contributo pubblicitario di appena il 10% quando si sa che oggi nessun giornale potrebbe reggere senza la partecipazione di almeno il 40% della pubblicità. Strano l'atteggiamento dei pubblicitari... Cos'è che vi da fastidio a tal punto da non considerare il manifesto come veicolo promozionale? Un errore tattico che da parte vostra proprio non mi aspettavo. La genialità dei vostri microspettacoli che mette addirittura in serio imbarazzo chi di spettacolo invece ha perso ogni traccia sia alla Rai che a Mediaset, non può accostarsi, se non altro per un senso di sintonia e di eleganza, alla genialità dei titoli ormai famosi del manifesto. Ne ricordo qualcuno in particolare, quando per lanciare l'immagine del giornale, il manifesto fece una campagna con la foto di un bambino che dormiva coi pugni chiusi, come fanno i bambini quando dormono. Sotto la foto una scritta che diceva: La rivoluzione non russa... E poi, ancora, quando il ministro Tremonti dopo le sue dimissioni, apparve sul manifesto con il titolo «Ciao tesoro»! Ma la cosa più stupefacente che credo rimarrà nella storia dei titoli, e anche i cattolici non possono non apprezzare la grande ironia, è quando il Papa è stato eletto: «Il pastore tedesco». Geniale. La storia della prima e della seconda guerra mondiale raccontata in due parole... Chi fa della pubblicità non può non considerare, per quanto non condivida la sua linea politica, il valore di quella fascia di élite a cui arriva un giornale come il manifesto il quale, nonostante la sua bassa tiratura, entra nei ranghi di coloro che contano nei punti cardine della società. Cosa ti importa, se sotto la testata del manifesto c'è ancora la parola comunista? Il tuo compito no è quello di far sì che il tuo messaggio arrivi a toccare tutte le fasce della società e, se possibile anche quelle del mondo animale? Voltaire diceva: «Io non condivido niente di quello che dici, ma darei la vita perché tu lo dica»!

uomoragno
Offline
Last seen: 9 anni 7 mesi fa
Iscritto: Mer, 30/08/2006 - 11:42
Emergenza Manifesto

Condivido la tua opinione sul giornale, è veramente cozzudu! in effetti questa testata ha passato periodi di alti e bassi tantissime volte. credo sia la regola. Addirittura so che il suo direttore percepisce il minimo sindacale, nenche 2000 euro al mese. e dire che in giro cartastraccia finanziata dallo stato con milioni di euro all'anno e che pubblicano solo periodicamente.

vale sempre il detto:
fizzu 'e gattu, sorighe tene

uomoragno
Offline
Last seen: 9 anni 7 mesi fa
Iscritto: Mer, 30/08/2006 - 11:42
Emergenza Manifesto

Carletto

DrpAdmSite
Offline
Last seen: 2 settimane 6 giorni fa
Iscritto: Mar, 18/10/2005 - 16:16
Emergenza Manifesto

Questo pezzo del buon Robecchi sintetizza molto bene l'ultima settimana.....

Il Manifesto ha scritto:

Il pronto soccorso del distretto militare
Alessandro Robecchi

Ha ragione Roberto Formigoni: il modello lombardo della sanità funziona. Era andato a togliersi le tonsille ed è uscito dalla clinica senza una gamba,mafunziona. Peccato per quella tendinite: per curargliela gli hanno tolto un polmone. Però funziona ancora. Il modello lombardo della sanità sta benissimo, anche perché se incautamente confessasse di stare male lo opererebbero di nuovo, e al posto del femore gli impianterebbero un medico obiettore di Comunione e liberazione non sterile. Appurato che il modello lombardo della sanità funziona (infatti a guardare i bilanci delle cliniche private funziona benissimo), va detto anche che manca un po' di etica. E per forza! Tutta l'etica che avevano l'hanno usata al posto dei tendini rotulei e l'hanno impiantata a gente che stava benissimo, e che adesso zoppicherà per sempre. Ma eticamente. Sia come sia, le emergenze del paese sono altre. Per esempio la sicurezza. Per questo arriveranno 2.500 militari a presidiare le zone più a rischio delle grandi metropoli. Tipo le sale operatorie della Regione Lombardia, tipo i cantieri edili della Regione Lombardia. Era ora che qualcuno pensasse seriamente alla sicurezza dei cittadini, fossero anche i ministri Maroni e La Russa, che hanno scritto la nuova norma del disegno di legge a quattro mani. Va detto che anche un cervello avrebbe fatto comodo. Ma attenzione, come sa ogni bravo esperto militare, quando si chiamano i soldati è bene definire con precisione le regole d'ingaggio. I nostri militari potranno sparare a un primario? Potranno usare gli elettrodi per interrogare le cartelle cliniche? E' una questione che si farà più spinosa quando le nostre forze armate chiamate in difesa del cittadino e della solita maggioranza silenziosa dovranno intervenire nei cantieri edili. Quali regole d'ingaggio usare per i lavoratori in nero vittime del caporalato? Se gli si spara prima si danneggiano gli imprenditori e si frena la crescita. Se gli si spara una volta cascati dalle impalcature è inumano accanimento su un cadavere. L'unica è colpirli al volo, come un piattello. Impresa che si annuncia difficile, ma non impossibile. Il Partito democratico, responsabilmente, si è detto d'accordo.

DrpAdmSite
Offline
Last seen: 2 settimane 6 giorni fa
Iscritto: Mar, 18/10/2005 - 16:16
Emergenza Manifesto

A soli due anni dalla precedente emergenza il Manifesto rischia davvero di chiudere, questa volta per merito del governo che ha deciso di tagliare i fondi per l'editoria.
Nel mondo dell'informazione saldamente in mano dei soliti industriali che hanno largamente usufruito di ingenti risorse pubbliche, spesso travestendo le loro imprese da cooperative, rischia di chiudere proprio l'unica vera ed indipendente cooperativa di giornalisti.
Non servono tante chiacchiere, chi vuole che Il Manifesto non muoia può solo contribuire alla ennesima sottoscrizione:

Fateci uscire!

Intanto godetevi l'ultimo di Robecchi.

Alessandro Robecchi - VOI SIETE QUI ha scritto:

Datti all'etica!

Sono veramente spiaciuto di essermi perso il convegno sull'etica dell'impresa organizzato da Barbara Berlusconi, presente Veronica Berlusconi: a quell'ora stavo colpevolmente andando a lavorare. Ho letto cronache e resoconti con apprensione, perché temevo che sui giornali l'accostamento di due parole come «etica» e «Berlusconi» provocasse la combustione delle pagine e forse, un domani, la fine del mondo. Mi sono fatto forza: i leoni che tengono alle gazzelle un seminario sulla corretta alimentazione è sempre uno spettacolo interessante. Organizzatrice: Barbara Berlusconi, così giovane e priva di mezzi che dev'essere stato per lei un vero eroismo organizzare un convegno. Relatori: il professore dell'Università San Raffaele, un dipendente del gruppo di famiglia (vicepresidente della Mondatori, il presidente è la sorella di Barbara) e il titolare della cattedra Lehman Brothers di finanza aziendale della Bocconi. Seduto al tavolo della presidenza, il giovane La Russa, figlio del ministro della difesa, in platea un Ligresti Junior. Al centro della scena, Barbara e Veronica Berlusconi, rapite ed estasiate dal vento filosofico che spirava dal palco. Due eleganti signore sedute su una montagna di miliardi fatti con un'etica che i tribunali non possono discutere grazie al lodo Alfano, o magari caduta in prescrizione. A un potere conquistato con l'etica giornalistica di certi titoli de Il Giornale o con i telegiornali di famiglia. La prestigiosa Università Bocconi ospita e benedice. Il Corriere della Sera fa da cinegiornale stile anni Trenta. E l'etica? Ah, sì: Barbara Berlusconi ha fatto sapere di essere contraria al falso in bilancio. Wow! Non so se riuscirò a sopravvivere a tanta etica!

sunieddu
Offline
Last seen: 7 anni 10 mesi fa
Iscritto: Mar, 27/05/2008 - 19:12
Emergenza Manifesto

Sta facendo la stessa fine della sinistra all'interno del parlamento... :cry:

serrone
Offline
Last seen: 9 anni 4 mesi fa
Iscritto: Sab, 28/04/2007 - 23:49
Emergenza Manifesto

sunieddu ha scritto:
Sta facendo la stessa fine della sinistra all'interno del parlamento... :cry:

Tranquilli amici ,non chiude !! Adesso ci pensa il nostro Renato Soru a salvare il Manifesto. :wink: :wink:
E ci compriamo pure La Padania e Libero :P :P
Tagli da tutte le parti .........
Si salvi chi può.!!!!
:? :? :? :?

serrone
Offline
Last seen: 9 anni 4 mesi fa
Iscritto: Sab, 28/04/2007 - 23:49
Emergenza Manifesto

Comunicazione po Su MERE :
mi si è allutta la quinta stella!!!!! :P :P :P :P :P
ma adesso mi viena aumentata la Busta paga? :wink: :wink:
O continui a pagarmi cun sos corzolos de su casu ?

Mi che sciopero miiii. 8) 8) 8) 8)

FAGHE UNU ZIRU A CONTU MEU !!! SI FESTEGGIA !!!!!

P.S. Antonè per te invito speciale! :wink: :wink:

panda
Offline
Last seen: 9 anni 1 mese fa
Iscritto: Gio, 11/10/2007 - 23:00
Emergenza Manifesto

serrone ha scritto:
Comunicazione po Su MERE :
mi si è allutta la quinta stella!!!!! :P :P :P :P :P
ma adesso mi viena aumentata la Busta paga? :wink: :wink:
O continui a pagarmi cun sos corzolos de su casu ?

Mi che sciopero miiii. 8) 8) 8) 8)

FAGHE UNU ZIRU A CONTU MEU !!! SI FESTEGGIA !!!!!

P.S. Antonè per te invito speciale! :wink: :wink:


Tanti uguri Serrò!! mezza birra anche qua :D :D

serrone
Offline
Last seen: 9 anni 4 mesi fa
Iscritto: Sab, 28/04/2007 - 23:49
Emergenza Manifesto

panda ha scritto:
serrone ha scritto:
Comunicazione po Su MERE :
mi si è allutta la quinta stella!!!!! :P :P :P :P :P
ma adesso mi viena aumentata la Busta paga? :wink: :wink:
O continui a pagarmi cun sos corzolos de su casu ?

Mi che sciopero miiii. 8) 8) 8) 8)

FAGHE UNU ZIRU A CONTU MEU !!! SI FESTEGGIA !!!!!

P.S. Antonè per te invito speciale! :wink: :wink:


Tanti uguri Serrò!! mezza birra anche qua :D :D

PRONTO BIRRA DICEVA IL MITICO TIU ZORZI :D :D :D

Accedi o registrati per inserire commenti.