Il racconto di benny

5 contenuti / 0 new
Ultimo messaggio
DrpAdmSite
Offline
Last seen: 2 settimane 5 giorni fa
Iscritto: Mar, 18/10/2005 - 16:16
Il racconto di benny

Salve a tutti.

Qui c'è chi legge e ........chi scrive.
Benennida ci regala un suo delizioso racconto.

Lo trovate nella sezione storie.

Grazie Benny!

ancu m'idan zega
Offline
Last seen: 9 anni 7 mesi fa
Iscritto: Lun, 20/02/2006 - 08:46
Il racconto di benny

Mi unisco al grazie de su mere.

letto tutto d'un fiato. bellissimo racconto, lucido ed emozionante

Bisogna lottare a tutti i costi per essere felici nella vita no? quello di cui abbiamo bisogno lo sa solo il nostro cuore

grazie ancora Benny

benennida
Ritratto di benennida
Offline
Last seen: 6 mesi 2 settimane fa
Iscritto: Ven, 24/03/2006 - 21:13
Grazie...

Grazie a voi ragazzi, troppo buoni... :oops: :)

A volte non si ha abbastanza cuore

Sirbonemalaittu
Offline
Last seen: 4 anni 1 mese fa
Iscritto: Mer, 28/02/2007 - 02:34
Il racconto di benny

Brava Benny!!!
Mi piace il tuo modo di scrivere e credo che hai ricalcato profondamente il senso di tutta la storia. La diversità molte volte c'è perchè vogliamo vederla noi, noi additiamo come diversi coloro i quali fanno le cose che noi non faremmo mai, come i tuoi Antonio e Lucia...
Eppure io non mi preoccuperei più di tanto... Per il paese Antonio e Lucia sono i "pesci fuor d'acqua"... io mi chiedo e se nel pensiero dei due amanti aticipi fosse l'intero paese il pesce fuor d'acqua? De André diceva che i valori e i disvalori dipendono essenzialmente dall'ubicazione geografica dove essi nascono e che bsta spostarsi di latitudine per vedere quelli che per noi sono disvalori diventare colonne portanti della morale e viceversa...
Per quanto riguarda l'ignoranza dei sottotitoli che molte volte accompagnano storie come queste, cito il mai troppo compianto Fabrizio:

"Si sa che la gente da buoni consigli sentendosi come Gesù nel tempio, si sa che la gente da buoni consigli se non può più dare cattivo esempio..."
(Bocca di Rosa)

benennida
Ritratto di benennida
Offline
Last seen: 6 mesi 2 settimane fa
Iscritto: Ven, 24/03/2006 - 21:13
Ragione e sentimento...

Sirbò, ti ringrazio...
La diversità sta sempre e solo nel come noi, sommersi di moralismo spicciolo, vogliamo vedere ed interpretare le cose. Il condizionamento sul nostro modo di vedere le cose è palese, viviamo nella società, e questa ci condiziona molto più di quanto noi non immaginiamo. A volte la pensiamo come la pensano gli altri, più per convenzione che per convinzione... Hai presente Il conformista di Moravia? Ecco, chi vuole essere a tutti i costi diverso dagli altri spesso e volentieri, preso dalla smania di diversificarsi si amalgama, diventa ciò che non vorrebbe essere, solo per la voglia irrefrenabile di sentirsi diverso.
I veri diversi, quelli che sono come sono, senza voler essere diversi, ma che lo sono, punto, son persone che vivono bene, meglio, credimi, son coloro che assaggiano la vita giorno per giorno con gusto e con il giusto spirito della vita: viverla!
E così hanno fatto Antonio e Lucia: hanno vissuto la loro vita e non se la sono fatta vivere, a dispetto, ma chi poi non c'è nessun dispetto, della morale comune.
Condannare certi comportamenti, che poi, bada bene, si condanna un sentimento d'amore, è molto facile per la morale comune, intrisa di religione e di etica che spesso noi poniamo alla base delle nostre congetture, ma nei sentimenti che ragionamento ci dev'essere? Il sentimanto è l'opposto del ragionamento, non c'azzecca proprio...
Saluti a tutti.

A volte non si ha abbastanza cuore

Accedi o registrati per inserire commenti.