Roberto Saviano

20 contenuti / 0 new
Ultimo messaggio
DrpAdmSite
Offline
Last seen: 3 mesi 3 settimane fa
Iscritto: Mar, 18/10/2005 - 16:16
Roberto Saviano

Sull'Espresso di questa settimana c'è la storia di Roberto Saviano, autore del best seller Gomorra.
Questo giovane scrittore di 28 anni ha pubblicato un libro che parla di camorra, si sono nomi, circostanze collusioni affari grandi e piccoli.

« Il pericolo non nasce da chi pesca, trova, una nuova notizia, il pericolo nasce da chi la riesce a far passare, da chi rompe la crosta degli addetti ai lavori, da chi in qualche modo riesce a far veicolare dei messaggi, dei racconti »

La camorra l'ha condannato a morte e pertanto si è dovuto allontanare da Napoli vive sotto scorta e anche i suoi familiari sono stati "protetti".
Perché la camorra ha deciso di uccidere lui e non qualche poliziotto, politico o giornalista? Semplicemente perché quelli sono i nemici istituzionali della mafia, con cui spesso ci si accorda per non farsi troppo male; uno scrittore, per giunta giovane, che senza chiedere si permette di scrivere certe cose a muso duro può essere un cattivo esempio per la popolazione "normale".

Roberto Saviano ha scritto:
Il container dondolava mentre la gru lo spostava sulla nave. Come se stesse galleggiando nell'aria, lo sprider, il meccanismo che aggancia il container alla gru, non riusciva a domare il movimento. I portelloni mal chiusi si aprirono di scatto e iniziarono a piovere decine di corpi. Sembravano manichini. Ma a terra le teste si spaccavano come fossero crani veri. Ed erano crani. Uscivano dal container uomini e donne. Anche qualche ragazzo. Morti. Congelati, tutti raccolti, l'uno sull'altro. In fila, stipati come aringhe in scatola. Erano i cinesi che non muoiono mai. Gli eterni che si passano i documenti l'uno con l'altro. Ecco dove erano finiti. I corpi che le fantasie più spinte immaginavano cucinati nei ristoranti, sotterrati negli orti d'intorno alle fabbriche, gettati nella bocca del Vesuvio. Erano lì. Ne cadevano a decine dal container, con il nome appuntato su un cartellino annodato a un laccetto intorno al collo. Avevano tutti messo da parte i soldi per farsi seppellire nelle loro città in Cina. Si facevano trattenere una percentuale sul salario, in cambio avevano garantito un viaggio di ritorno, una volta morti. Uno spazio in un container e un buco in qualche pezzo di terra cinese. Quando il gruista del porto mi raccontò la cosa, si mise le mani in faccia e continuava a guardarmi attraverso lo spazio tra le dita.

maria luisa
Offline
Last seen: 9 anni 6 mesi fa
Iscritto: Lun, 28/05/2007 - 23:12
Roberto Saviano

Sto leggendo Gomorra, di Roberto Saviano...e bor naro che sono rimasta folgorata più che dal libro dall'autore...
Posso parlare in termini che ci capiamo senza che vi scandalizzi troppo?
Saviano è un uomo che ha le palle, nel senso pieno del termine....
Starà guadagnando un sacco di soldi, se vince l'oscar ancora di più, ma credo stia comunque sacrificando molto della sua vita....
Vivere sotto scorta, senza poter andare dove vuoi, senza poterti legare a nessuno...Non mi sembra il massimo...anche se puoi avere tutti i soldi del mondo....
Pensare che Saviano abbia fatto tutto questo esclusivamente per amore della Verità me lo fa apprezzare ancora di più....
Fatevi un giro sul suo sito che ne vale la pena
http://www.robertosaviano.it/articoli/9599/116/0
e leggetevi..."lettera alla mia terra"...che ha scritto dopo la strage di Castel Volturno ...
Diceva un certo signor Ponzio Pilato: " Quid est veritas?"
Aggiungo io...Cos'è la Verità perchè uno sia disposto a mettere in gioco l propria vita perche sia conosciuta?

Qualcuno ha provato a dare una risposta che vi giro....

"Benchè non tutti amino la Verità soltanto essa può essere la base di una felicità duratura.
La Verità è una [....]
La Verità sta nel "Si" o nel "No". La Verità infatti è una .
La Verità è pure potente.
Se qualcuno volesse smentire e affermasse che ne io ho scritto, ne tu hai letto, la Verità non si cambierebbe...
E anche se tali negatori fossero numerosi la forza della Verità non ne soffrirebbe affatto.
Nessuno può cambiare qualsiasi Verità, si può soltanto cercare la Verità, trovarla, riconoscerla, conformare ad essa la propria vita, camminare sulla strada della verità in ogni questione...."

Bodà frade mè....trovi lo scritto per esteso sul frontespizio della mia tesi...

Tziu Frì....ma quanto ne vorrei parlare con te di quest'argomento....

benennida
Ritratto di benennida
Offline
Last seen: 3 settimane 6 giorni fa
Iscritto: Ven, 24/03/2006 - 21:13
Risvegliod ei sensi

Maria Luisa mia, tu risvegli i mie sensi ed il mio animo con queste parole... anche se, a dire il vero, di ciò ne abbiamo discusso in altra sede...
Mi hai fatto tornare indietro di qualche anno, quando postai uno dei miei topic-deliri che furono accolti con timidezza, e cioè: Cos'è la vita.
Ma questa, questa domanda, del cosa sia la verità è sublime e tremenda allo stesso tempo. È come un terremoto nell'animo di ognuno e una sfida per chi la vuole affrontare che alla fine, son certa, non può che liberare lo spirito e rendere davvero liberi! Mi dà gioia questa cosa, una gioia che risiede nell'animo e mai sopita: la gioia della vita!
Ma mettiamo da parte questo mio piccolo delirio. Vorrei citare un economista francese del '700, Guillaume François Le Trosneche con molta saggezza ha parlato della verità, e ciò che è sorprendente per me, e che chi ne parla, è lungi dall'esprimere un'opinione legata al senso religioso, quello che più di tutti parrebbe legato al significato della verità. Ve lo posto perchè a me è piaciuto tantissimo:

Quote:
Difatti, da qualunque parte sia la verità, essa non può mancare di uscire illuminata da tale prova. Essa ha un fascino segreto e un potere invincibile sugli animi; presto o tardi giunge a sottometterli. Noi siamo fatti per conoscerla, e quando invece abbracciamo l'errore, siamo sedotti e legati dalla sua somiglianza con la verità, perché essa non è sempre egualmente sensibile e palpabile; qualche volta l'errore prevale per ignoranza, si accredita con l'opinione, si afferma e si consolida con l'uso; l'errore assume allora tutte le apparenze della verità, e acquista sugli animi un dominio che sembra indistruttibile.
Quando la verità così offuscata e dimenticata incomincia a riapparire, essa si ritrova con tutti gli svantaggi della novità, e vede alzarsi contro di sé quelle proteste che l'errore suscita, nel proprio interesse, ogni volta che viene enunciata. Soltanto a forza di esami e di fatiche, al prezzo di una discussione lunga e laboriosa essa riconquista la sua autorità perduta, e finalmente si manifesta con quella certezza alla quale l'evidenza ha posto il suo suggello. Il suo possesso è allora assicurato, essa non fugge più dopo essere stata lungamente disputata e acquistata con una ricerca ostinata, che una contraddizione sostenuta ha reso più profonda e più seria.

:oops: P.s: Unu pagu fuori tema... ma ci ripigliamo subito eh! :wink:

A volte non si ha abbastanza cuore

maria luisa
Offline
Last seen: 9 anni 6 mesi fa
Iscritto: Lun, 28/05/2007 - 23:12
Roberto Saviano

Quote:
Difatti, da qualunque parte sia la verità, essa non può mancare di uscire illuminata da tale prova. Essa ha un fascino segreto e un potere invincibile sugli animi; presto o tardi giunge a sottometterli. Noi siamo fatti per conoscerla,

Bello qs passaggio Benny...Ci asrebbe da aprire un topic a parte sulla Verità ma ma io provo a continuare su Saviano...al quale rionosco il merito di avermi stimolato a riflettere su questo aspetto...

Cito da..."Lettera alla mia terra"....

Quote:
E io mi chiedo: nella vostra terra, nella nostra terra sono ormai mesi e mesi che un manipolo di killer si aggira indisturbato massacrando soprattutto persone innocenti. Cinque, sei persone, sempre le stesse. Com'è possibile? Mi chiedo: ma questa terra come si vede, come si rappresenta a se stessa, come si immagina? Come ve la immaginate voi la vostra terra, il vostro paese? Come vi sentite quando andate al lavoro, passeggiate, fate l'amore? Vi ponete il problema, o vi basta dire, "così è sempre stato e sempre sarà così? Davvero vi basta credere che nulla di ciò che accade dipende dal vostro impegno o dalla vostra indignazione? Che in fondo tutti hanno di che campare e quindi tanto vale vivere la propria vita quotidiana e nient'altro. Vi bastano queste risposte per farvi andare avanti? Vi basta dire "non faccio niente di male, sono una persona onesta" per farvi sentire innocenti? Lasciarvi passare le notizie sulla pelle e sull'anima. Tanto è sempre stato così, o no? O delegare ad associazioni, chiesa, militanti, giornalisti e altri il compito di denunciare vi rende tranquilli? Di una tranquillità che vi fa andare a letto magari non felici ma in pace? Vi basta veramente?

Abbaidade che in questo pezzo ce n'è per farsi l'esame di coscenza come comunità civile e anche personalmente...
Ma ci crediamo o non che il mondo si può cambiare se ci mettiamo del nostro? Saviano del suo ce lo sta mettendo...
Per come descrive la mafia e la camorra minde intrada su frittu a pensare che condizionano pesantemente con il oro giro di affari tutta l'economia nostrana...Si occhini unu cun s'atteru? E chi se ne frega,,,,
Tantu noisi semmus innoghe.

Tziu fri...non raccogli proprio il guanto? Mi intristisci.....

bodale
Offline
Last seen: 5 anni 9 mesi fa
Iscritto: Ven, 14/07/2006 - 22:28
Roberto Saviano

maria luisa ha scritto:
Quote:
Per come descrive la mafia e la camorra minde intrada su frittu a pensare che condizionano pesantemente con il oro giro di affari tutta l'economia nostrana...Si occhini unu cun s'atteru? E chi se ne frega,,,,
Tantu noisi semmus innoghe.

Sorre mì ............ma lo sai a quanto ammonta il giro, anzi il volume d'affari della criminalità organizzata spa?
Spa di cui sono soci : Cosa Nostra, Camorra (di cui SAVIANO racconta alcuni aspetti), 'Ndranghetta, Sacra Corona Unita, e ........qua mi fermo.
Secondo la Camera di Commercio di Mestre (spero di ricordare bene) è pari a 90 miliardi di Euri. Una bella fetta di PIL nazionale. La prima Holding, in termini di fatturato, italiana con interessi economici in tutti i campi : legali, illegali, pseudo-legali.
Però come ha detto Falcone : La Mafia è un fenomeno naturale. Ha un inizio e avrà una fine.
Isperamos de essere inoghe cando finidi.

frinas
Offline
Last seen: 4 anni 7 mesi fa
Iscritto: Gio, 20/10/2005 - 16:18
evviva Roberto Saviano

maria luisa ha scritto:
Sto leggendo Gomorra, di Roberto Saviano...e bor naro che sono rimasta folgorata più che dal libro dall'autore...
Posso parlare in termini che ci capiamo senza che vi scandalizzi troppo?
Saviano è un uomo che ha le palle, nel senso pieno del termine....
Starà guadagnando un sacco di soldi, se vince l'oscar ancora di più, ma credo stia comunque sacrificando molto della sua vita....
Vivere sotto scorta, senza poter andare dove vuoi, senza poterti legare a nessuno...Non mi sembra il massimo...anche se puoi avere tutti i soldi del mondo....
Pensare che Saviano abbia fatto tutto questo esclusivamente per amore della Verità me lo fa apprezzare ancora di più....
Fatevi un giro sul suo sito che ne vale la pena
http://www.robertosaviano.it/articoli/9599/116/0
e leggetevi..."lettera alla mia terra"...che ha scritto dopo la strage di Castel Volturno ...
Diceva un certo signor Ponzio Pilato: " Quid est veritas?"
Aggiungo io...Cos'è la Verità perchè uno sia disposto a mettere in gioco l propria vita perche sia conosciuta?

Qualcuno ha provato a dare una risposta che vi giro....

"Benchè non tutti amino la Verità soltanto essa può essere la base di una felicità duratura.
La Verità è una [....]
La Verità sta nel "Si" o nel "No". La Verità infatti è una .
La Verità è pure potente.
Se qualcuno volesse smentire e affermasse che ne io ho scritto, ne tu hai letto, la Verità non si cambierebbe...
E anche se tali negatori fossero numerosi la forza della Verità non ne soffrirebbe affatto.
Nessuno può cambiare qualsiasi Verità, si può soltanto cercare la Verità, trovarla, riconoscerla, conformare ad essa la propria vita, camminare sulla strada della verità in ogni questione...."

Bodà frade mè....trovi lo scritto per esteso sul frontespizio della mia tesi...


Frinas On-topic: qui si parla di libri e letture e anche se non ho ancora nè letto il libro di Saviano, nè visto il film, mi fido delle impressioni di Marylou e, ad occhi chiusi, confermo in tutto e per tutto sia l'apprezzamento per l'opera letteraria sia la grande testimonianza civile, morale ed etica delle quali l'autore si fa interprete.
La figura di Roberto Saviano - nel panorama culturale e sociale italiano odierno - spicca e giganteggia oltre ogni aggettivo che tu ed io gli possiamo dare.
Semmai... posso solo amaramente aggiungere che mi dispiace che gli affiliati alla Camorra, i politici conniventi, i manovali adulti, le famiglie intere che ci campano sù ed anche i ragazzini... non leggano libri e, dunque, nemmeno quello di Saviano; e non leggeranno, magari, nemmeno il topic su conchidortos; vabbeh, magari questo è un dettaglio fuori luogo.

Frinas off-topic:

Quote:
Tziu Frì....ma quanto ne vorrei parlare con te di quest'argomento....
l'argomento suppongo sarebbe quello della Verità (con la V maiuscola)? ; ja mi ses nande nudda...

Quote:
Tziu fri...non raccogli proprio il guanto? Mi intristisci.....

Bella mì... non so se ci sia mai stato nè, nel fortuito caso, a quando risalga l'ultimo atto di eroismo di frinas...;
ma se tu mi vuoi mettere a correre con Roberto Saviano... est a ponner a currere unu Purosangue "intero" (che vuol dire in linguaggio ippico "con le palle" neppuru tue...) cun d'un ainu malu "crastadu"; tene passentzia... non ti rovinare lo spettacolo;
goditi insieme a tanti/e conchidortos Roberto Saviano, che non ne nascono tutti i giorni. Purtroppo.
.... e non intristirti;
proprio tu che chiudi quasi ogni tuo intervento con l'augurio e il motto "con gioia"!
f.

liberos, rispettados, uguales

(P. Mereu)

benennida
Ritratto di benennida
Offline
Last seen: 3 settimane 6 giorni fa
Iscritto: Ven, 24/03/2006 - 21:13
Arresto nel cuore della camorra...

Roberto Saviano, ( un piccolo uomo che fa la differenza Maria Luì! :wink: ) e chi crede nella giustizia, almeno un pochino, e nella verità, questa tutta!!, oggi possono avere uno slancio di gioia: forse la camorra inizia a vacillare. E' infatti di oggi l'arresto dei latitanti considerati i mandanti ed esucutori della strade di Castel Volturno, Alessandro Cirillo, Oreste Spagnuolo e Giovanni Letizia.
Esulta il ministro della giustizia Maroni che, oltre a dire che è una giornata da incorniciare ha acclamato con soddisfazione che è stato inferto un colpo durissimo al cuore della illegalità camorrista.
Vero. E Saviano oggi, benchè sotto scorta, e abbandonato da molti che non se la son sentiti di stargli vicino, potrà festeggiare questa epifania.
Certo, la strada è lunga, ma di certo qualcosa credo si sia mosso.
Saludos...

A volte non si ha abbastanza cuore

benennida
Ritratto di benennida
Offline
Last seen: 3 settimane 6 giorni fa
Iscritto: Ven, 24/03/2006 - 21:13
Rabbia e terrore. Verità e realtà.

Rabbia. Questa è la sola cosa che è rimasta a Roberto Saviano, costretto a dover lasciare l'Italia, alla ricerca di una vita normale, lui che grida e acclama una vita normale anche per tutti coloro che son stati "colpiti" da questa piaga che è la camorra.
Lui che deve andare via, lui che vuole continuare a urlare a gran voce le malefatte, chiamiamole così per addolcire la pillola, la criminalità che investe una parte dell'Italia, ma che va oltre i nostri confini nazionali.
Ma questa rabbia... quanti ce l'hanno? Quanti si ribellano a questi fenomeni?
Ciò che regna sono il terrore e la paura che anestetizzano la coscienza di chi avrebbe da condannare delitti delle specie più spregevoli. Perchè è evidente, basta parlare con la gente e ci si rende subito conto di come stanno le cose. A meno che non si voglia essere "boccaloni" e bersi tutto come acqua fresca.
Rabbia e terrore.
Realtà. Verità.
In nome della verità Saviano si è condannato all'esilio, e la rabbia, l'unica arma rimastagli è la forza propulsiva che lo spinge verso il futuro, verso la vita, verso la verità...
Un prezzo troppo alto?

A volte non si ha abbastanza cuore

maria luisa
Offline
Last seen: 9 anni 6 mesi fa
Iscritto: Lun, 28/05/2007 - 23:12
Roberto Saviano

Quote:
Grazie a chi ha sentito che il mio dolore era il suo dolore e ha provato a immaginare i morsi della solitudine

Quote:
"un paese ci vuole, non fosse che per il gusto di andarsene via. Un paese vuol dire non essere soli, sapere che nella gente, nelle piante, nella terra c'è qualcosa di tuo, che anche quando non ci sei resta ad aspettarti".

Due citazioni tratte dal sito di Roberto Saviano che esprimono bene, a mio avviso, il valore dell'uomo e dello scrittore!
Se avevo dei dubbi ed ero anche in questo versante disincantata, mi devo ricredere....Saviano non è un fenomeno di marketing o di letteratura da 4 soldi, Saviano è talento che si mette in gioco per rispondere a quella domanda di cui ho detto in qualche post precedente....Quid est veritas? Cosa è la verità?....
Saviano si mette in gioco per la verità ed è disposto a pagarne il prezzo, a sopportarne il peso, da cireneo che continua a condividere anche da lontano il peso della croce che opprime la sua terra e la sua gente....

E proprio questo suo farsi cireneo della sua gente fa ben sperare che oltre la croce sorga un giorno l'alba della resurrezione anche per il sud...

C'è poco da fare....la speranza in un domani migliore è l'unica cosa che mette in moto la voglia di vivere per rendere più bello il mondo....

Ciao zente mì..... :wink:

antonella
Offline
Last seen: 9 anni 1 mese fa
Iscritto: Mer, 02/04/2008 - 12:00
Roberto Saviano

Sto leggendo ora il libro... ma mi sorge una domanda: se lui a ogni affermazione un po' pesante precisa "come risulta dagli atti del tribunale di...." oppure "come ha detto il pentito...", perché è sotto scorta? di suo, in questo libro, cosa c'è??? ha avuto il coraggio di mettere nero su bianco cose che erano già parte di fascicoli dei tribunali? è questo il suo atto grave?

sunieddu
Offline
Last seen: 7 anni 4 mesi fa
Iscritto: Mar, 27/05/2008 - 19:12
Roberto Saviano

magari perchè gli atti dei vari tribunali non erano a conoscenza di tutti (malgrado siano pubblici).

maria luisa
Offline
Last seen: 9 anni 6 mesi fa
Iscritto: Lun, 28/05/2007 - 23:12
Roberto Saviano

Eh si tesoro mì..
Ha ragione su nieddu...
Saviano ha reso pubblici tutti gli ingranaggi della camorra casertana e napoletana e tutti gli ingranaggi giudiziari a riguardo..
Si è creato un grosso battage mediatico riguardo a questo libro e secondo me sta compromettendo la giusta valorizzazione anche del film a livello internazionale...Anche quì sento commenti sul fatto che...Gomorra non descrive la verità dell'italia...
Non sono d'accordo...
E'la malcelata tendenza a livello nazionale, a far finta di non vedere la realtà e l'entità dei problemi...Noi siamo il bel paese e dobbiamo mantenere l'immagine...

Saludos...
Vado a studiare...
La post modernità...

antonella
Offline
Last seen: 9 anni 1 mese fa
Iscritto: Mer, 02/04/2008 - 12:00
Roberto Saviano

forse per chi non legge i giornali erano fatti sconosciuti...
ecco perché l'italia gira male, perché non siamo neanche capaci di informarci. mille mezzi e nessun interesse.

maria luisa
Offline
Last seen: 9 anni 6 mesi fa
Iscritto: Lun, 28/05/2007 - 23:12
Roberto Saviano

Mah...antonè...
Non credo sia tanto questione di leggere o non leggere i giornali...
E'che i giornali spesso e volentieri riportano un'informazione, come dire, un pò...pilotata...Soprattutto i giornali del casertano...
Insomma...i mass-media ci dicono la verità che vogliono loro.

Comunque se vuoi saperne di più su Saviano vatti a vedere il sito che ne vale la pena.

www.robertosaviano.it

LEPPEREDDU
Offline
Last seen: 9 anni 1 mese fa
Iscritto: Mar, 18/11/2008 - 11:12
Roberto Saviano

E' di ieri la notizia dell'arresto di SETOLA boss dei CASALESI già scampato nei giorni scorsi all'arresto, e questo è anche merito di Saviano. :D :D :D

antonella
Offline
Last seen: 9 anni 1 mese fa
Iscritto: Mer, 02/04/2008 - 12:00
Roberto Saviano

di saviano??? scherzi vero?

sunieddu
Offline
Last seen: 7 anni 4 mesi fa
Iscritto: Mar, 27/05/2008 - 19:12
Roberto Saviano

Voleva dire Berlusconi Leppereddu.. si dev'essere confuso.. :D

antonella
Offline
Last seen: 9 anni 1 mese fa
Iscritto: Mer, 02/04/2008 - 12:00
Roberto Saviano

se è così bravo, berlusconi, SANTO SUBITO! :D

sunieddu
Offline
Last seen: 7 anni 4 mesi fa
Iscritto: Mar, 27/05/2008 - 19:12
Roberto Saviano

E certo.. che palidino dalla giustizia..!! sta facendo piazza pulita dei criminali.. chissà, magari guardandosi intorno nè potrebbe trovare qualcun altro.. anche senza andare troppo lontano..

benennida
Ritratto di benennida
Offline
Last seen: 3 settimane 6 giorni fa
Iscritto: Ven, 24/03/2006 - 21:13
"Mi pento di aver scritto il libro"

E' passato un pò di tempo da quando è uscito Gomorra ed ora Saviano "col senno di poi" confessa molto candidamente che si è pentito di aver scritto il libro. Quando vede nelle vetrine il suo libro gira lo sguardo da un'altra parte. Questo perchè, nonostante il grande successo e la fama, quel libro oramai viene considerato quasi "maledetto".
Gli ha distrutto la vita, vive come un clandestino, nascosto, sempre sotto scorta, e come ho già detto, la vita che conduce è una non vita, dove le cose più banali, come per esempio far una passeggiata al centro è utopia, e tutto questo solo perchè ha detto la verità, in un paese dove la verità non esiste. E allora Saviano si pente, si pente come uomo libero, ma non come scrittore, in virtù di quella libertà imprigionata.
Ma oramai il libro è scritto, è stato venduto e tradotto in molti paesi, il guadagno economico c'è stato sicuramente, ma relegato in un mondo parallelo, dove la vità è una prigione di paura.

A volte non si ha abbastanza cuore

Accedi o registrati per inserire commenti.