Revisionismo storico

90 contenuti / 0 new
Ultimo messaggio
antonella
Offline
Last seen: 9 anni 1 mese fa
Iscritto: Mer, 02/04/2008 - 12:00
Revisionismo storico

a proposito del revisionismo storico, sono sempre stata convinta della genuinità dei partigiani, eppure anche loro hanno commesso i loro crimini. ho letto sia i libri di pansa che quello di tina anselmi. eppure... sono ancora in bilico e non so da che parte stare...

ISPADULE
Offline
Last seen: 6 anni 11 mesi fa
Iscritto: Mer, 03/05/2006 - 22:09
Revisionismo storico

Secondo me non c' è da stare da nessuna parte. Italiani erano i fascisti e italiani erano i partigiani. Forse non era una guerra civile, ma poco ci mancava. Ci sono stati episodi poco edificanti, forse in maggior parte ad opera dei fascisti, ma anche molti partigiani hanno approffittato della situazione per regolare conti in sospeso, con le relative conseguenze.
Sarebbe tempo che la Storia venga raccontata secondo quello che è realmente accaduto e non seguendo il pensiero, a volte interessato, di chi la presenta, a secondo della convenienza politica.

 Ispàdule

antonella
Offline
Last seen: 9 anni 1 mese fa
Iscritto: Mer, 02/04/2008 - 12:00
Revisionismo storico

ispàdule (che significa?) come darti torto?? quoto al 200 per cento quello che dici, e mi rincuora sapere che c'è chi è capace di guardare quel tipo di storia negli occhi e riconoscere errori e gesti eroici. ho sempre incontrato difensori dei partigiani punto e basta. io invece ammiro chiunque per la propria passione (politica o che dir si voglia) è capace di lottare anche a costo della propria vita e non spetta né a noi né a nessun altro dire se sia giusto o sbagliato.
ciao!

panda
Offline
Last seen: 8 anni 7 mesi fa
Iscritto: Gio, 11/10/2007 - 23:00
Revisionismo storico

ISPADULE ha scritto:
Secondo me non c' è da stare da nessuna parte. Italiani erano i fascisti e italiani erano i partigiani. Forse non era una guerra civile, ma poco ci mancava. Ci sono stati episodi poco edificanti, forse in maggior parte ad opera dei fascisti, ma anche molti partigiani hanno approffittato della situazione per regolare conti in sospeso, con le relative conseguenze.
Sarebbe tempo che la Storia venga raccontata secondo quello che è realmente accaduto e non seguendo il pensiero, a volte interessato, di chi la presenta, a secondo della convenienza politica.

Quoto in toto anche io.. anche se il mio ago della bilancia pende un pò in favore dei partigiani..
ma cmq onestà intellettuale, trasparenza nelle cronache dei fatti e oggettività prima di tutto..

antonella
Offline
Last seen: 9 anni 1 mese fa
Iscritto: Mer, 02/04/2008 - 12:00
Revisionismo storico

certo mi sa che l'ago della bilancia di un po' tutti penda verso i partigiani, perché per noi sono e sempre saranno coloro che hanno aiutato l'Italia ad essere libera. io li ammiro, e ho avuto la fortuna di conoscerne qualcuno. nessuno li dimenticherà mai.

p.s. per ADM: Come sarebbe che ora sono definita MANDRONE??? A parte che sono femminuccia, ma la mandronia si vede? :cry: mi lu naran tottus!!

DrpAdmSite
Offline
Last seen: 3 mesi 3 settimane fa
Iscritto: Mar, 18/10/2005 - 16:16
Revisionismo storico

Cosa c'entra dire che erano tutti italiani? Allora siccome ci sono italiani criminali siamo tutti criminali? Il fascismo fù il male assoluto, parole del camerata Fini, per vent'anni in Italia furono sospesi i diritti e le libertà fondamentali, col culmine allucinante della sistematica eliminazione fisica degli oppositori e la promulgazione delle leggi razziali ad opera del re fantoccio.
In tutte le guerre, comprese le guerre civili ci sono due parti, ognuno scelga qual'era la parte buona, io non ho dubbi, ma vedo che dopo 15 anni di berlusconismo e di ritorno dei fascisti al potere molti stanno diventando dubbiosi e revisionisti, in primis il compagno Pansa, dell'Utri vorrebbe addirittura rivedere i libri di storia.
Si dice che i partigiani volessero sostituire i fascismo con la loro dittatura, poniamo che fosse anche vero, ma siccome non l'hanno fatto, non condanno le intenzioni ma riconosco che hanno lottato per la libertà e questo mi basta, non altrettanto possiamo dire dei fascisti.
Ieri era l'anniversario della morte di Gramsci, parlamentare assassinato dal regime con 11 anni di carcere duro, mi basta questo per aborrire l'indulgenza verso il fascismo, non ho dubbi.

--
=> Antonella ora che hai vinto la govardaggine sei mandrona, complimentoni :wink:

ISPADULE
Offline
Last seen: 6 anni 11 mesi fa
Iscritto: Mer, 03/05/2006 - 22:09
Revisionismo storico

admdortos ha scritto:
Cosa c'entra dire che erano tutti italiani? Allora siccome ci sono italiani criminali siamo tutti criminali? Il fascismo fù il male assoluto, parole del camerata Fini, per vent'anni in Italia furono sospesi i diritti e le libertà fondamentali, col culmine allucinante della sistematica eliminazione fisica degli oppositori e la promulgazione delle leggi razziali ad opera del re fantoccio.
In tutte le guerre, comprese le guerre civili ci sono due parti, ognuno scelga qual'era la parte buona, io non ho dubbi, ma vedo che dopo 15 anni di berlusconismo e di ritorno dei fascisti al potere molti stanno diventando dubbiosi e revisionisti, in primis il compagno Pansa, dell'Utri vorrebbe addirittura rivedere i libri di storia.
Si dice che i partigiani volessero sostituire i fascismo con la loro dittatura, poniamo che fosse anche vero, ma siccome non l'hanno fatto, non condanno le intenzioni ma riconosco che hanno lottato per la libertà e questo mi basta, non altrettanto possiamo dire dei fascisti.
Ieri era l'anniversario della morte di Gramsci, parlamentare assassinato dal regime con 11 anni di carcere duro, mi basta questo per aborrire l'indulgenza verso il fascismo, non ho dubbi.

--
=> Antonella ora che hai vinto la govardaggine sei mandrona, complimentoni :wink:


Beh, mi pare che la pensiamo quasi allo stesso modo. in un altro post ho scritto che per conto mio la storia può anche rimanere come l' abbiamo studiata. Il fascismo e il nazismo sono stati condannati abbondantemente da tutti al punto da essere rinnegati anche da coloro che provengono da una certa area politica. Anche se non concordo con i fatti barbari che sono avvenuti, compreso quello di Piazzale Loreto (questo la Storia non lo spiega mollto bene). Non condanno assolutamente i partigiani ONESTI che hanno aiutato molto anche gli Alleati nella liberazione dell' Italia. Quello che io vorrei ardentemente è che vengano alla luce certi crimini commessi in quell' occasione, magari "a caldo" ricompensati con medaglie d' oro alla resistenza. Io la penso così e ritengo di essere obiettivo, poi tu puoi pensarla come ti pare. Il dibattito è libero e antonella ha dimostrato di essere una ragazza che si mette i problemi seriamente. Non credo assolutamente che i partigiani volessero imporre la dittatura, casomai questa sarebbbe arrivata "democraticamente" nel caso di vittoria del partito comunista alle elezioni.
P-S. Per Antonella:Ispàdule è il nome di una località montana di Silanus.

 Ispàdule

panda
Offline
Last seen: 8 anni 7 mesi fa
Iscritto: Gio, 11/10/2007 - 23:00
Revisionismo storico

Siccome ho quotato il pensiero di ispadule facendolo mio provo a risponderti io.. su cosa sia stato il fascismo siamo tutti daccordo credo.. il punto è che se ci sono state delle situazioni in cui i partigiani si sono macchiati colpevolmente di crimini che vanno aldilà della "normale guerra" è giusto ammetterlo e fare ammenda.. se un fatto, un gesto, una azione o quant'altro è sbagliato va condannato a prescindere dai colori politici.. ed è vero che molte cose ci sono state nascoste.. anche se probabilmente si trattava solo di casi isolati.. detto questo penso che il pensiero fosse ben lontano dal revisionismo storico di certi politici! era semplicemente un invito alla verità storica fine a se stessa non strumentale ai discorsi di nessuno!
Almeno in qusto senso ho inteso il discorso e l 'ho fatto mio..

antonella
Offline
Last seen: 9 anni 1 mese fa
Iscritto: Mer, 02/04/2008 - 12:00
Revisionismo storico

ciao panda, condivido il tuo pensiero, e anche quello di adm quando dice che il fascismo fu un male assoluto (piccolo appunto: certo che gli italiani non sono tutti criminali per il solo fatto che qualcuno lo sia, ma pensiamo lo stesso di albanesi/rumeni?). è vero quindi che qualche partigiano ha approfittato della situazione per regolare due conti personali... io non so quanti anni avete, ma sono tanto tanto contenta di ritrovarmi a parlare di resistenza con qualcuno che ancora non ha raggiunto la pace dei sensi (bè forse...) :lol:
ciao e buona giornata a tutti!!
p.s.: ieri era anche sa die de sa sardigna no?

maria luisa
Offline
Last seen: 9 anni 6 mesi fa
Iscritto: Lun, 28/05/2007 - 23:12
Revisionismo storico

Innoghe sezzis addurados?...E vabbeh...sighimochela.... :wink:

Antonellina simpaticona e furbacchiona.... :wink: ( Nel senso che mi piacciono i tuoi post ironici e saporiti al punto giusto)
Io credo che noi sardi abbiamo un idea della seconda guerra mondiale e della resistenza proporzionata all'esperienza avuta nel nostro territorio...e soprattutto, per molte cose credo che ci siamo fatti un idea e un'opinione per sentito dire....Chiaro che la maggior parte di noi non ha fatto la guerra, anzi sicuramente nessuno....Credo però che anche i più grandi di noi certe cose le abbiano sapute per sentito dire...
Mi viene da fare considerazioni, riflessioni e domande che forse ad Astaroste non piacciono molto...Astarò...metto in gioco i miei di scheletri nell'armadio
Nademi oisi se c'era partigianato a Silanus durante la seconda guerra mondiale...E il fascismo di che tipo era? Si lo so che mio nonno in paese era comandante della milizia fascista o qualcosa del genere e non tenzo irgonza de lu narrere...Mi chiedo se però avesse lo stesso sentore di fascismo di un suo pari di Milano o Roma o Bologna...

Diverso è parlare di seconda guerra mondiale e resistenza a Marzabotto, Sasso Marconi e dintorni....Li ci sono stati in mezzo, soprattutto dal 43 al 45 e se si parla con gli anziani che allora erano giovani partigiani o bambini si intuiscono bene le incongruenze e i paradossi....
Molti di quei giovani sono andati in montagna per evitare il servizio militare e perchè comunque da giovani credevano nella libertà...
I commissari politici hanno colto la palla al balzo e andavano in montagna a leggergli il capitale di Marx...L'anticlericalismo ha fatto il resto....
Eppure qualcuno di loro dice apertamente di essersi fatto la tessera del PCI perchè i commissari gli avevano promesso a fine guerra la casa...e gliel'hanno data....E non è clientelismo anche questo?
Qualcuno è andato in montagna perchè ha assaggiato l'olio di ricino o ha visto il padre che lo assaggiava o ha assistito a qualche pestaggio in diretta....
Qualche bambina di allora racconta che durante l'occupazione tedesca passavano a casa sua i tedeschi a fare razzie e subito dopo i partigiani...

Queste cose non le ho lette eh...le ho sentite con le mie orecchie....
in una certa parte d'Italia ed è l'esperienza di quella parte d'Italia.

astaroste
Offline
Last seen: 2 anni 11 mesi fa
Iscritto: Gio, 08/02/2007 - 21:42
Revisionismo storico

ti rispondo con le prime affermazioni di Fini dopo l'elezione a presidente della camera

""""Doveroso celebrare 25 aprile e 1° maggio"""

comunque Silanus almeno un paio di partigiani li ha avuti, certo non hanno operato in Sardegna dove, come ben saprai, dalla storia studiata sui libri, e non per sentito dire, non abbiamo avuto bisogno della lotta armata per liberarci dal fascismo, solamente perchè in Sardegna questo non si è manifestato nel modo orribile che invece hanno vissuto da Roma in su.
Maria Luisa ha scritto:
"Molti di quei giovani sono andati in montagna per evitare il servizio militare e perchè comunque da giovani credevano nella libertà..."

Penso che molti e non solo giovani siano andati in montagna per combattere l'invasore nazista e non per sfuggire agli obblighi di leva, che poi gli obblighi erano la guerra e la morte come biasimarli....

Maria Luisa continua
"I commissari politici hanno colto la palla al balzo e andavano in montagna a leggergli il capitale di Marx...L'anticlericalismo ha fatto il resto.... "

Forse non sai che l'esperienza della lotta partigiana non l'hanno fatta solo i comunisti, ricordati che per anni sono stati perseguitati dal fascismo e molti sono morti per la libertà e per la democrazia, ma anche da moltissimi che dopo la guerra partigiana confluirono nelle file del Partito Popolare, nelle file del Partito Socialista, oppure sono ritornati alla vita normale..

E ancora Maria Luisa
" Eppure qualcuno di loro dice apertamente di essersi fatto la tessera del PCI perchè i commissari gli avevano promesso a fine guerra la casa...e gliel'hanno data....E non è clientelismo anche questo?

Questa mi giunge nuova, si diceva ""la nostra lotta il nostro sacrificio darà all'Italia libertà e democrazia, si vivrà una nuova fase di sviluppo e si darà inizio alla ricostruzione... o Mary non avrai confuso ricostruzione, ricordati che la guerra ha portato distruzione e miseria in quasi tutta l'Europa, ha proposito il nostro compaesano partigiano quando è rientrato a casa """non zughiada mancu pantalonese in culu""" ha dovuto lavorare duro per tirare avanti ed allevare una famiglia, con dignità e con tanto impegno e nessuno gli ha mai regalato nulla...

Non ho vissuto quel periodo perchè ancora nelle p... di mio padre, però la storia raccontata dalle persone che hanno vissuto l'esperienza del fascismo, ricca di racconti di privazioni, di momenti di vero terrore, di soprusi da parte dei leccapiedi del fascio, di impedimento della propria libertà, la storia scritta non è menzogniera, è esperienza vissuta.

E infine Maria Luisa afferma:
"Queste cose non le ho lette eh...le ho sentite con le mie orecchie....
in una certa parte d'Italia ed è l'esperienza di quella parte d'Italia."
E qui casca l'asino... non dovremo più credere che gli scritti siano le dichiarazioni o le espressioni degli estensori?? e come la mettiamo con tutti quegli uomini che hanno dato alla scrittura i loro pensieri le loro convinzioni le loro scoperte...forse che tutto ciò che si e messo nero su bianco e fuorviante e che ne pensi delle sacre scritture bibbia o vangelo per rimanere nel tuo campo?????
Cordialmente Astaroste

antonella
Offline
Last seen: 9 anni 1 mese fa
Iscritto: Mer, 02/04/2008 - 12:00
Revisionismo storico

bo bo... ho scatenato una guerra?
voglio solo dire una cosa, mi rattrista sapere che quelle stesse persone che hanno rischiato la vita per difendere il nostro paese (in questo caso, scusate, ma non faccio distinzioni tra sardi e continentali), non abbiano potuto o non godano tuttora di forme di riconoscimento diverse dalle pacche sulle spalle. certo ora quanti ne avrebbero bisogno? ormai è tardi, si doveva fare qualcosa prima. purtroppo però non ho idee a riguardo...

DrpAdmSite
Offline
Last seen: 3 mesi 3 settimane fa
Iscritto: Mar, 18/10/2005 - 16:16
Revisionismo storico

astaroste ha scritto:

Maria Luisa ha scritto:
"Molti di quei giovani sono andati in montagna per evitare il servizio militare e perchè comunque da giovani credevano nella libertà..."

Penso che molti e non solo giovani siano andati in montagna per combattere l'invasore nazista e non per sfuggire agli obblighi di leva, che poi gli obblighi erano la guerra e la morte come biasimarli....

Maria Luisa continua
"I commissari politici hanno colto la palla al balzo e andavano in montagna a leggergli il capitale di Marx...L'anticlericalismo ha fatto il resto.... "

Forse non sai che l'esperienza della lotta partigiana non l'hanno fatta solo i comunisti, ricordati che per anni sono stati perseguitati dal fascismo e molti sono morti per la libertà e per la democrazia, ma anche da moltissimi che dopo la guerra partigiana confluirono nelle file del Partito Popolare, nelle file del Partito Socialista, oppure sono ritornati alla vita normale..

E ancora Maria Luisa
" Eppure qualcuno di loro dice apertamente di essersi fatto la tessera del PCI perchè i commissari gli avevano promesso a fine guerra la casa...e gliel'hanno data....E non è clientelismo anche questo?

Marialuì, davvero è meglio se ti informi in modo un pò più equilibrato.
La mistificazione post-fascista è micidiale, si vuol far credere che la lotta partigiana fosse opera dei nemici della patria renitenti alla leva, oppure che fossero tutti comunisti, mentre almeno la metà erano partigiani cattolici, lo stesso clero si divise, ci furono molti preti partigiani, qualcuno anche assassinato.
Non è casuale che Fini, nel discorso citato da Astaroste, abbia salutato i presidenti emeriti della repubblica Cossiga e Ciampi, ma abbia evitato di citare Scalfaro, devotissimo della madonna, ma fiero e coriaceo antifascista, sicuramente ostile a mettere nello stesso calderone vincitori e vinti. Che c'entra il Capitale e l'anticlericalismo? Chi non ha mai letto Marx evidentemente pensa che sia la bibbia dei comunisti e dei non credenti, oppure un libro eversivo, niente di tutto ciò, basta leggerlo, evidentemente per molti è comodo confondere Marx, con Lenin e con Stalin e i suoi crimini.
Anche qui basta leggere cosa diceva Gramsci, il capo dei comunisti italiani, a proposito di Stalin che conosceva di persona; lo considerava un pazzo terrorista, Trotsky e tanti altri rivoluzionari russi furono assassinati per aver cercato di fermarlo.

maria luisa
Offline
Last seen: 9 anni 6 mesi fa
Iscritto: Lun, 28/05/2007 - 23:12
Revisionismo storico

Gentilissimi signori... :wink:
quello che io ho scritto sono informazioni che mi ha dato la gente che ha vissuto in una determinata area geografica dell' Italia durante la seconda guerra mondiale, e che io, riguardo a quella determinata area geografica considero più attendibili di quello che ho letto in alcuni libri...
La zona a cui mi riferisco è quella di Sasso Marconi e dintorni, e le persone che ho sentito sono una minima parte, quindi non pretendo di avere la verità in tasca riguardo a un discorso di partigianato e resistenza, e di origini politiche del partigianato.
So anche i partigiani non erano soltanto comunisti e il clero ugualmente non era solo fascista, benchè la Chiesa, ufficilamente, fosse allineata al regime fascista.

Adm...ho parlato di capitale e anticlericalismo riferendomi alla persona che mi ha raccontato di essersi fatto la tessera di partito perchè a fine guerra gli avevano promesso la casa...C'è scritto nei libri di storia della resistenza che i commissari politici andavano in montagna ad istruire i partigiani, molti dei quali erano giovani poco istruiti, soprattutto nelle campagne. Cosa c'entra l'anticlericalismo con Marx? Ti ricordo che in Italia l'anticlericalismo nasce nelle regioni che facevano parte dello stato pontificio prima dell'unità d'Italia...L'Emilia Romagna era fra queste, quindi Marx più anticlericalismo= perfetto comunista ( l'ateismo per i comunisti è implicito o no?)

Astarò, non mi sono confusa riguardo alla tessera di partito con la ricostruzione....Durante l'occupazione tedesca, precisamente il 9 settembre 1943, nasce in Italia il CLN ( comitato di liberazione nazionale) che raduna tutti i partiti politici impegnati nella Resistenza.
Questo comitato dunque gestisce i movimenti della Resistenza in tutta Italia e allo stesso tempo fa da mediatore con gli alleati e con la Russia, cominciando a gettare le basi per quella che sarà la ricostruzione del paese. Bonomi, presidente del CLN, fa anche da primo ministro dopo il governo fantoccio di Badoglio.
Lo stesso piano Marshall si comincia ad elaborare prima della fine guerra e questo non lo dico io, ma i libri di storia....
L'America, aiutando aiutando, stava pensando a come legare economicamente mani e piedi ai paesi europei usciti dalla guerra, creando una sudditanza ideologica ed economica. L'Italia risente ancora di questa sudditanza e adesso con Berlusca al potere ancora di più.
Ismentigados bonde sezzis che nel 2004 Bush è stato invitato a Roma da Berlusconi per il sessantesimo anniversario della liberazione della città ed è stato acclamato quasi quasi come salvatore della Patria?...Roba da mettersi due dita in gola e vomitare...
Per non parlare della Russia che voleva fare la rivoluzione bolscevica anche qui...attraverso i nostri comunisti...

Aggiungo altra carne al fuoco...L'eccidio stesso di Marzabotto, uno dei crimini nazisti più gravi d'Europa non è così chiaro riguardo alle responsabilità...Secondo alcune fonti locali, testimonianze orali e libri,
la rappresaglia tedesca si poteva evitare, perchè i partigiani sapevano che ci sarebbe andata di mezzo la popolazione e, secondo alcuni potevano quindi risparmiarsi di provocarla, invece qualche mese prima fecero saltare un trenomerci carico di munizioni diretto a Bologna.

La popolazione sapeva della presenza dei partigiani in montagna...se ne voleva andare, ma i partigiani assicurarono loro protezione in caso di rappresaglia tedesca... Cosa è successo quando c'è stata la rappresaglia?
I partigiani non hanno retto il confronto per inferiorità numerica e sono scappati...Molti di loro hanno confermato la dinamica della strage perchè erano nacosti dietro i cespugli vicini alle case....La popolazione è stata decimata tutta...sono sopravvissuti solo due bambini.
Di partigiani invece ne sono morti ben pochi...

Quote:
la storia scritta non è menzogniera, è esperienza vissuta
non dovremo più credere che gli scritti siano le dichiarazioni o le espressioni degli estensori?? e come la mettiamo con tutti quegli uomini che hanno dato alla scrittura i loro pensieri le loro convinzioni le loro scoperte...forse che tutto ciò che si e messo nero su bianco e fuorviante

Assolutamente d'accordo con te Astarò...però bisogna sempre leggere la storia scritta dal punto di vista dell'autore e contestualizzandola nel periodo in cui è stata scritta...Lo stessisimo discorso lo applico alla Bibbia.. :wink:

Saludos... :wink:

P.S Bello che anche Silanus abbia dato dei partigiani...Non d'azzisi iscrittu nudda? Esiste qualcosa di storia locale sul paese? Se si me lo fate avere? Chiaramente pagando il corrispettivo dovuto...Domenica penso di fare un salto in bidda e me lo porterei via volentieri....

DrpAdmSite
Offline
Last seen: 3 mesi 3 settimane fa
Iscritto: Mar, 18/10/2005 - 16:16
Revisionismo storico

Sulla fantomatica rivoluzione russa in Italia non ne so nulla, ma Luisò tu hai evitato di rispondere sui partigiani cattolici e poi non hai ben chiaro come si opera in guerra, i civili non si toccano per rappresaglia, questo è un crimine di guerra, ieri come oggi.
Tutte le stragi più infami sono state rappresaglie contro la popolazione civile, Marzabotto, sant'Anna le Fosse Ardeatine etc etc, biasimare i partigiani che combattevano i nazi-fascisti significa condannare la lotta di liberazione, come credi che dovessero combattere i partigiani, prima sparavano e poi si dovevano far scannare per evitare la rappresaglia, o dovevano combattere con le armi della persuasione?

maria luisa
Offline
Last seen: 9 anni 6 mesi fa
Iscritto: Lun, 28/05/2007 - 23:12
Revisionismo storico

Ahi santa Maria mia....
O su mè..ma i post come cavolo li leggi? Pompiande su computer e cun sa conca in atteru logu?
Sunu duas paginas de custu topic chi semmus faeddande di revisionismo storico, resistenza e 25 aprile....Ti ho anche chiesto di aprirlo tu un altro topic e di spostarci la discussione lì...

Quote:
Io mi odolo astarò..eccome se mi odolo....Soprattutto quando il 25 aprile sulla scalinata di Bonaria mi vedo 30 giovani che commemorano i repubblichini di salò....Mah...itte semmus iscassiande?
Non mi posso trattenere..custas dies tenzo de itte faghere....
Ma torrammos a leare sa chistione....
Forse sarebbe più appropriato in un altro topic vero su Mè...
Qualcosa di storico...

Asco non ci vuole chissà quale conoscenza per sapere che i comunisti volevano estendere la rivoluzione Bolscevica in tutto il pianeta...Per loro era la forma migliore di società civile e di governo di uno stato...
Mi fai ridere quando ne scendi così dalle nuvole...L'hanno fatto con mezza Europa e se ne avessero avuto la benchè minima possiblità credi che non lo avrebbero fatto in Italia?
Cosa cavolo c'entra il fatto che i partigiani fossero cattolici col discorso che stiamo facendo...Tornando a Marzabotto credo che nella Stella Rossa ci fosse anche qualche partigiano cattolico..e tando? Itte b'intrada?

Quote:
non hai ben chiaro come si opera in guerra, i civili non si toccano per rappresaglia, questo è un crimine di guerra, ieri come oggi.
Tutte le stragi più infami sono state rappresaglie contro la popolazione civile, Marzabotto, sant'Anna le Fosse Ardeatine etc etc, biasimare i partigiani che combattevano i nazi-fascisti significa condannare la lotta di liberazione, come credi che dovessero combattere i partigiani, prima sparavano e poi si dovevano far scannare per evitare la rappresaglia, o dovevano combattere con le armi della persuasione?

Dimmi dove ho scritto che la rappresaglia contro i civili non è un crimine di guerra o dove ho messo in discussione la gravità del crimine commesso dai nazisti a Marzabotto....
Io non sto condannando nessuno...sto solamente mettendo in discussione e in critica positiva la lotta partigiana così come ho messo in discussione gli aiuti degli alleati durante l'occupazione tedesca e anche gli aiuti americani nel dopoguerra...Questa parte non me la citi perchè sei anti americano ma vedo che anche tu "credi ciecamente" nel mito della Resistenza.
La Sinistra ne ha fatto un mito della Resistenza ...Non mi risulta che la storia sia fatta di miti quanto di fatti...
Non mi permetto assolutamente di negare il contributo della Resistenza alla lotta di liberazione dell'Italia dai tedeschi, dico solo che anche la Resistenza ha avuto le sue luci e le sue ombre e come tale va considerata e compresa....
Io non ho ben chiaro come si opera in guerra?
E cosa si fa in guerra si combatte mettendo in mezzo bersagli civili?
Se chi critica l'operato dei partigiani a Marzabotto avesse ragione e prove serie per farlo credo che i partigiani, prima di provocare la rappresaglia tedesca con le loro azioni militari, avrebbero potuto almeno far sfollare la popolazione così come è avvenuto sulle altre colline della valle del Reno, invece di assicurare una protezione che di fatto non potevano dare...

Per tua informazione ci sono stati numerosi militari e partigiani che dopo aver combattuto si sono fatti scannare per evitare la rappresaglia tedesca sui civili....
Ti dice qualcosa Salvo d'Aquisto? Mi tolgo un sassolino dalla scarpa dicendo che il dare la propria vita per gli altri è una caratteristica dei cristiani convinti...anche in guerra....
Ma siccome sono brava e ti voglio bene te ne cito anche un'altra .... :wink:
Irma Bandiera....partigiana bolognese comunista morta dopo aver subito di tutto dai tedeschi pur di non tradire i suoi compagni di lotta e per salvare loro la vita...

Ti richiedo di spostare tu tutta la discussione inerent eil revisionismo storico e la resistenza in un altro topic...Io non so se posso farlo e in ogni caso non so spostare tutti i post precedenti...GRRAZZIE... :wink:

astaroste
Offline
Last seen: 2 anni 11 mesi fa
Iscritto: Gio, 08/02/2007 - 21:42
Revisionismo storico

Inizia la battaglia sulla riscrittura della Storia, si parte con i piccoli del PDL (in questo caso da la prima mossa la fa certa Giorgio Meloni neo deputata quota AN) ma fra non molto arriveranno i pescecani.

Ecco le prime dichiarazioni date alla stampa dagli esponenti del centrodestra

"""""Testi scolastici faziosi - "Siamo stati accusati di censurare la storia o di fare revisionismo. E' esattamente il contrario: noi vogliamo togliere le censure che alla nostra storia nazionale sono state apposte. Abbiamo condotto da anni una battaglia sulla faziosità dei testi scolastici, abbiamo contrastato - rivendica - quello che definisco un tentativo di indottrinamento, ovvero raccontare quello che ti pare perché si possa dare una lettura di parte della storia e dei trascorsi dell'Italia"."""

Non avevamo cose ben più importanti da risolvere, vedi monnezza napoletana, detassazione dello straordinario, ponte siculo-mafioso ecc.. ecc

Saluti Astaroste

syd76rm
Offline
Last seen: 3 anni 7 mesi fa
Iscritto: Mer, 13/02/2008 - 01:24
Revisionismo storico

Da che parte stare, tra fascisti e partigiani? Secondo me, è una domanda retorica. Dal fascismo ci siamo liberati, cosa ci sarebbe da rimpiangere. La repubblica nasce dalla resistenza, mica dal fascismo. Non vi fate fregare dai revisionisti da salotto, i fascisti, seppur italiani (anzi, a maggior ragione), sono nemici. C'è poco da scegliere...

DrpAdmSite
Offline
Last seen: 3 mesi 3 settimane fa
Iscritto: Mar, 18/10/2005 - 16:16
Revisionismo storico

maria luisa ha scritto:
tu "credi ciecamente" nel mito della Resistenza.
La Sinistra ne ha fatto un mito della Resistenza ...Non mi risulta che la storia sia fatta di miti quanto di fatti...

Mito=>Leggenda=>Credenza, evidentemente hai appena passato la revisione :lol:
No tesoro, la storia dice che in Italia c'è stata una guerra di liberazione, i partigiani hanno portato una miriade di attacchi contro gli invasori, hanno collaborato con l'esercito alleato e sono morti a migliaia, nessun mito, nessuna leggenda, come dice Syd: l'Italia è nata dalla liberazione non dai fascisti.

antonella
Offline
Last seen: 9 anni 1 mese fa
Iscritto: Mer, 02/04/2008 - 12:00
Revisionismo storico

ciao syd sai che a me non sembra ci sia una risposta tanto scontata??? io ho sempre pensato di stare con i partigiani fino a quando non ho letto alcuni libri. quindi ora sto nel mezzo, né di là né di qua!

syd76rm
Offline
Last seen: 3 anni 7 mesi fa
Iscritto: Mer, 13/02/2008 - 01:24
Revisionismo storico

antonella ha scritto:
ciao syd sai che a me non sembra ci sia una risposta tanto scontata??? io ho sempre pensato di stare con i partigiani fino a quando non ho letto alcuni libri. quindi ora sto nel mezzo, né di là né di qua!

Scusa, ma a te la libertà chi l'ha data, i fascisti? In guerra si fanno delle brutte cose, ma è la guerra, non è guardare un film alla tv! Non si può pretendere una guerra pulita o, come va di moda dire ora, umanitaria. La guerra è sofferenza e sangue, c'è poco da fare. Tra l' altro quello che hanno fatto i partigiani sarà ben poca cosa rispetto ai nazifascisti, in qualche modo ci si doveva difendere, non credi? Ciao

antonella
Offline
Last seen: 9 anni 1 mese fa
Iscritto: Mer, 02/04/2008 - 12:00
Revisionismo storico

mmmhhhmmm domanda spinosa la tua... credo si evinca dai miei post che io non sono esattamente di sinistra (vogliamo dire centrosinistra?), ma sarebbe sbagliato qualificarmi fascista... insomma, ammiro i partigiani e tutti quelli che mi hanno dato la libertà, come dici tu, c'è solo un aspetto che non mi piace: tante teste e troppe idee fanno la democrazia, è vero, io purtroppo per una tara mentale preferirei fosse solo uno a decidere, magari sbaglia ma è più facile combatterne uno che mille. :D

Desmo12
Offline
Last seen: 9 anni 1 mese fa
Iscritto: Lun, 17/03/2008 - 22:55
Revisionismo storico

Salve a tutti...

Anche io come la maggiorparte di voi sono un "partigiano" convinto, perchè basta dire "Nazismo e Fascismo" per mettere da subito in risalto il male, la malvagità, l'odio, il razzismo e tutto le porcate nate sotto questi due regimi dittatoriali e totalitari..!!

Quello che ancora mi sciocca è che molti giovani dei giorni nostri, troppo impegnati e attirati da stronzate come il Grande Fratello 28000, l'isola dei cogl..., amici di maria "de arga" ecc, non imparino e studino mai nulla del nostro passato....il sapere che 60 anni fa (mica 1000 o 2000!) la gente muoriva come mosche per colpa di pensieri espansionistici, esoterici e raziali di un bastardo tedesco e del suo "fido" italiano: Hitler e Mussolini!!

Ed infatti ancora oggi si muore come a quei tempi......così, senza motivo, perchè diversi, perchè ti rifiuti di tradire il tuo credo o la tua libertà....

Come a Verona....................

Muore infatti un altro giovane, vittima di quell'eredità maledetta lasciata dal nazismo, di quella malvagità e crudeltà cruda e gratuita che scoppia senza motivo....!!!

Questo a sottolineare come il nazismo ed il fascismo hanno e continuano a disseminare nel mondo quelle loro idee di violenza e di sottomissione che gli hanno contradistinti durante gli anni in cui hanno governato.

Per quanto riguarda i partigiani, sostengo che hanno sempre lottato per la libertà dell'italia, per cancellare ed annientare quella parte impazzita del paese che fin da subito fece della violenza la sua immagine (la marcia su Roma non la fecero i partigiani ma le camicie nere, i partigiani eliminavano i soldati nemici non i giornalistici o il popolo di idee politiche diferenti, i partigiani non hanno appoggiato l'idea di costruire i campi di sterminio come i fascisti......)!!!

I partigiani non dichiararono guerra a Francia ed Inghilterra.........si trovarono in mezzo ad una che non sarebbe dovuta neppure scoppiare!!!!!!

Saluti Desmo12

syd76rm
Offline
Last seen: 3 anni 7 mesi fa
Iscritto: Mer, 13/02/2008 - 01:24
Revisionismo storico

antonella ha scritto:
mmmhhhmmm domanda spinosa la tua... credo si evinca dai miei post che io non sono esattamente di sinistra (vogliamo dire centrosinistra?), ma sarebbe sbagliato qualificarmi fascista... insomma, ammiro i partigiani e tutti quelli che mi hanno dato la libertà, come dici tu, c'è solo un aspetto che non mi piace: tante teste e troppe idee fanno la democrazia, è vero, io purtroppo per una tara mentale preferirei fosse solo uno a decidere, magari sbaglia ma è più facile combatterne uno che mille. :D

Beh, la storia ti dà ragione, quell' Uno è arrivato.... :lol:
Per quel che mi riguarda l'unico che deve decidere per me sono io e basta. Le decisioni collettive si prendono collettivamente, o nn siamo in grado? Io credo che con l'educazione potremmo esserlo.. ciao

antonella
Offline
Last seen: 9 anni 1 mese fa
Iscritto: Mer, 02/04/2008 - 12:00
Revisionismo storico

scusami desmo ma non sono d'accordo con te se parli di verona come di un caso politico. quei cinque sono delinquenti. punto e basta. la politica non c'entra nulla.

syd76rm
Offline
Last seen: 3 anni 7 mesi fa
Iscritto: Mer, 13/02/2008 - 01:24
Revisionismo storico

antonella ha scritto:
scusami desmo ma non sono d'accordo con te se parli di verona come di un caso politico. quei cinque sono delinquenti. punto e basta. la politica non c'entra nulla.

E no ,cara!! sono neonazisti!!

antonella
Offline
Last seen: 9 anni 1 mese fa
Iscritto: Mer, 02/04/2008 - 12:00
Revisionismo storico

ma sarebbe come dire che, se uno fosse insegnante, allora nicola è stato ammazzato dal mondo docente! sbaglio?

ISPADULE
Offline
Last seen: 6 anni 11 mesi fa
Iscritto: Mer, 03/05/2006 - 22:09
Verona

E' stato chiarito dai magistrati: al telegiornale hanno affermato che con i fatti di Verona non c' entra per niente la politica. Vabbè che ora è diventato di moda ficcare la politica in tutte gli avvenimenti. Ma, per conto mio, sarebbe ora di finirla.

 Ispàdule

syd76rm
Offline
Last seen: 3 anni 7 mesi fa
Iscritto: Mer, 13/02/2008 - 01:24
Revisionismo storico

Quindi i pestaggi nazifascisti nn c'entrano niente? Ho capito che erano quattro deficienti alienati, ma la propaganda nazifascista quello dice: picchiare i più deboli. Ora, se le parole hanno un senso, queste sono le conseguenze. Non mi risulta che il corpo docente predichi di pestare la gente, forse invoglia più che altro, ma lo fa implicitamente.. :lol:

ISPADULE
Offline
Last seen: 6 anni 11 mesi fa
Iscritto: Mer, 03/05/2006 - 22:09
Revisionismo storico

syd76rm ha scritto:
Quindi i pestaggi nazifascisti nn c'entrano niente? Ho capito che erano quattro deficienti alienati, ma la propaganda nazifascista quello dice: picchiare i più deboli. Ora, se le parole hanno un senso, queste sono le conseguenze. Non mi risulta che il corpo docente predichi di pestare la gente, forse invoglia più che altro, ma lo fa implicitamente.. :lol:

La violenza è violenza, sempre e in tutti i casi. Da qualsiasi parte provenga, da destra, da sinistra o dal centro, sempre violenza è. Non mi si dica che nei fatti di Genova non ci fosse violenza politica, da parte di tutti e che lì non ci fosse quella matrice. Oppure è solo politica quando a compiere le violenze sono i naziskin o i fascisti, mentre l' altra violenza non ha colore politico? Il travisamento dei fatti è una cosa gravissima; ci dobbiamo abituare a chiamare le cose con loro vero nome senza indulgere per nessuno. Ma purtroppo non è così. Finchè dominerà la politica non ci sarà mai una VERA giustizia.

 Ispàdule

syd76rm
Offline
Last seen: 3 anni 7 mesi fa
Iscritto: Mer, 13/02/2008 - 01:24
Revisionismo storico

Io ho semplicemte risposto all'esempio che è stato fatto. Genova è un' altra questione ed è molto più complessa, non riducibile ad un pestaggio FASCISTA. Giratela come volete, ma è quello che predica l'ideologia fascista. Altre cose sono altri tipi di violenza. Se uno mi pesta per fregarmi il portafoglio è una cosa, se uno mi pesta in nome di un' ideologia becera è un' altra. Questa cosa della violenza è violenza mi sa di alibi facile per saltare la questione. La violenza c'è chi la predica e chi la subisce ed è costretto a farvi fronte. Tornando all'argomento, i partigiani sono stati costretti a prendere i fucili, altrimenti se ne stavano belli a coltivare la terra, quindi mettere sempre e comunque le cose sullo stesso piano è una falsità storica e morale. ciao

Pagine

Accedi o registrati per inserire commenti.